14 ottobre 2019
Aggiornato 07:00
legge bilancio

Startup a costo zero, approvato il modello per la modifica dell'atto costitutivo

Agevolazioni e zero burocrazia per la creazione di startup innovative. Il provvedimento approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico prevede che anche gli atti modificativi dell'atto costitutivo possano avvenire digitalmente

Startup a costo zero, approvato il modello per la modifica dell'atto costitutivo
Startup a costo zero, approvato il modello per la modifica dell'atto costitutivo Shutterstock

ROMA - Costituire una startup a costo zero è finalmente possibile. Sulla Gazzetta Ufficiale è stato, infatti, approvato il modello standard per le modifiche dell’atto costitutivo delle startup innovative ai fini dell'iscrizione nel registro delle imprese. Un passo avanti importante che mira ad assottigliare sempre più la burocrazia quando si parla di imprese innovative.

L’atto costitutivo
La nuova Legge di Bilancio 2017 permette, a tutti gli effetti, di costituire una startup senza alcun costo. Elimina, infatti, l’imposta di bollo e i diritti di segreteria, mentre l’atto costitutivo può avvenire oltre che con firma digitale, anche con firma elettronica avanzata autenticata. Queste facilitazioni si andrebbero ad aggiungere a tutta una serie di incentivi già attivi per le start up innovative. Malgrado i diverbi avvenuti negli scorsi mesi con il Consiglio Nazionale del Notariato, le startup possono ora redigere l’atto costitutivo e le sue successive modifiche anche mediante un modello standard tipizzato facendo ricorso alla firma digitale, e senza l’intervento degli intermediari.

Cosa dice la Legge di Bilancio per le startup »

Le modifiche dell’atto costitutivo
Anche le modifiche all’atto costitutivo della startup seguono la stessa sorte. Il provvedimento approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico prevede che anche gli atti modificativi dell'atto costitutivo e dello statuto delle Srl, aventi per oggetto esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico ,di cui all'art. 25, comma 2, del dD.L. n. 179/2012, potranno essere redatti in forma elettronica e firmati digitalmente dal Presidente dell'assemblea e da ciascuno dei soci che hanno approvato la delibera, nel caso di società pluripersonale, o dall'unico socio nel caso di unipersonale, in totale conformità al modello standard allegato al presente decreto 28/10/2016, n. 222.

L’approvazione della modifica
Il documento informatico dovrà essere presentato per l’iscrizione al registro delle imprese, competente territorialmente, entro 30 giorni dall’assemblea. Dopo le opportune verifiche dell'ufficio del registro delle imprese, in caso di esito positivo l'ufficio procederà all’iscrizione provvisoria dell’atto modificativo, entro dieci giorni dalla data di protocollo del deposito, nella sezione ordinaria del registro delle imprese, con la dicitura aggiuntiva «modifica di atto costitutivo di start-up a norma dell’art. 4 comma 10 -bis del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 3, iscritta provvisoriamente in sezione ordinaria, in corso di iscrizione in sezione speciale».