19 giugno 2019
Aggiornato 23:30
Francia

Avviso a Macron: i Francesi auspicano che il movimento dei «gilet gialli» continui

Sondaggio le Figaro: crolla la fiducia nel governo. Solo il 25% degli intervistati si dice soddisfatto dell'azione dell'esecutivo dopo l'arrivo all'Eliseo di Emmanuel Macron

Avviso a Macron: i Francesi auspicano che il movimento dei «gilet gialli» continui
Avviso a Macron: i Francesi auspicano che il movimento dei «gilet gialli» continui ( ANSA )

PARIGI - La maggioranza dei francesi (55%, +1% rispetto alla precedente rilevazione) auspica che il movimento di protesta dei «gilet gialli» continui e il miglioramento del potere d'acquisto è ormai la prima priorità per il 2019, secondo un sondaggio della Odoxa Dentsu pubblicato oggi dal quotidiano le Figaro. Oltre al potere d'acquisto (54%)n le priorità dei francesi per il nuovo anno sono «vedere diminuire la povertà e la precarietà» (45%) e l'abbassamento delle tasse (41%), mentre la disoccupazione, in testa negli anni precedenti, è relegata al quarto posto.

Crolla la fiducia in Macron

La crisi dei «gilet gialli» ha provocato il crollo della fiducia nel governo: solo il 25% degli intervistati si dice soddisfatto dell'azione dell'esecutivo dopo l'arrivo all'Eliseo di Emmanuel Macron, il 15% in meno che nello scorso mese di aprile. Il ministro meglio valutato è il titolare degli Esteri Jean-Yves le Drian, con il 34% di giudizi positivi (-4% rispetto alla rilevazione precedente). Il sondaggio è stato realizzato su un campione di 1.004 persone, con un margine di errore massimo del 3,1%.

Lascia consigliere per le comunicazione, Sylvain Fort

Sylvain Fort, consigliere per le comunicazioni e responsabile degli interventi di Emmanuel Macron, ha dichiarato oggi che lascerà l'Eliseo alla fine di gennaio per orientarsi verso altri progetti professionali. «Lascerò alla fine di gennaio i miei doveri di consigliere in materia di comunicazioni alla Presidenza», ha confermato all'AFP. Fedele di Emmanuel Macron, il consulente 46enne ha dichiarato di aver informato il presidente «diverse settimane fa». Sylvain Fort aveva visto il suo ruolo rafforzarsi negli ultimi mesi all'Eliseo: «penna» del presidente, si è anche occupato della comunicazione alla fine dell'estate come parte della riorganizzazione dei servizi a seguito del caso Benalla, rivelando «disfunzioni» nel Palazzo. «Ho lasciato tutto per unirmi a Emmanuel Macron nell'agosto 2016, sapendo che il mio impegno sarebbe stato totale purché temporaneo», ha detto Fort.

Orgoglioso di aver servito Macron

«Dopo due anni e mezzo di lavoro instancabile al servizio del candidato e poi del nostro presidente, desidero passare ad altri progetti professionali e personali, e soprattutto a dedicare tempo alla mia famiglia», ha spiegato Fort. «Il senso dello stato di Emmanuel Macron e il suo assoluto impegno nel servire la Francia sono ciò di cui il Paese ha bisogno in questi tempi di dubbio sul nostro destino collettivo, sono orgoglioso di averlo servito e gli ho assicurato, annunciandogli la decisione alcune settimane fa, la mia totale fedeltà», ha aggiunto. Sylvain Fort è stato professore, editore, autore di diversi libri e capo di un'agenzia di comunicazione. È entrato a far parte del team della campagna del candidato Macron nel 2016 come consulente per le comunicazioni. All'Eliseo, Sylvain Fort è attualmente assistito dal consulente per la stampa e comunicazione Sibeth Ndiaye, in carica dall'elezione di Macron nella primavera 2017.