26 giugno 2019
Aggiornato 10:00
Francia

«Proteste gilet gialli catastrofe per l'economia francese»

Il Ministro dell'Economia, Bruno Le Maire: «Una crisi sociale, democratica, della nazione». Parigi chiede a Trump di «non interferire»

«Proteste gilet gialli catastrofe per l'economia francese»
«Proteste gilet gialli catastrofe per l'economia francese» ( ANSA )

PARIGI - La violenza collegata alle proteste dei gilet gialli che stanno sconvolgendo la Francia è una «catastrofe» per l'economia del Paese: l'avvertimento arriva dal ministro dell'Economia e delle Finanze francese Bruno Le Maire.

CRISI SOCIALE - «E' una catastrofe per il commercio, è una catastrofe per la nostra economia», ha detto il ministro parlando con i giornalisti a margine di una visita nei negozi di Parigi, all'indomani della nuova protesta dei Gilet gialli, la quarta giornata di mobilitazione. Il ministro ha evocato «una crisi sociale», «una crisi democratica» e «una crisi della nazione».

APPELLO A MACRON - Dopo la quarta giornata di protesta dei Gilet gialli e la terza settimana di mobilitazione il ministro egli Esteri francese Jean-Yves Le Drian è «preoccupato» per la democrazia e le istituzioni francesi. Per questo lancia un appello a Macron per un «nuovo contratto sociale» con i francesi invitando al dialogo: «Il presidente della Repubblica deve definire adesso il percorso di questo movimento verso il nuovo contratto sociale».
Le Drain, ha espresso tutta la sua preoccupazione ricordando alcune dichiarazioni dei manifestanti che evocano «l'insurrezione» e ha avvertito: «Il rischio è la messa in discussione delle nostre istituzioni, del nostro vivere insieme».

TRUMP NE STIA FUORI - La Francia ha chiesto al presidente degli Stati Uniti Donald Trump di non interferire con la politica interna francese, dopo che il presidente Usa ha postato alcuni tweets di sostegno sulla protesta dei Gilet gialli e attaccato l'accordo di Parigi sul clima.
«Io dico al presidente Donald Trump, ma glielo ha detto anche il presidente della Repubblica: noi non ci immischiamo nei dibattiti di politica interna americana, e gli chiediamo di fare lo stesso», lo ha dichiarato il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian alla Tv Lci.