Esteri | Crisi coreana

Corea del Nord, Trump vuole davvero la guerra nucleare a tutti i costi?

La Corea del Nord ha accusato gli Stati Uniti e la Corea del Sud di essere "sulla strada della guerra"

Il leader nordcoreano Kim Jong-un
Il leader nordcoreano Kim Jong-un (EPA/KCNA)

PYIONGYANG - La Corea del Nord ha accusato oggi gli Stati Uniti e la Corea del Sud di essere "sulla strada della guerra" alla vigilia della loro più grande esercitazione aerea congiunta mai compiuta fino ad oggi. L'esercitazione Vigilant Ace, che prevederà l'impiego di circa 230 aerei, compresi i caccia F-22 Raptor, avrà inizio domani e proseguirà per cinque giorni.

"Provocazione aperta"
Il quotidiano Rodong del partito unico al governo ha denunciato l'esercitazione militare. "Questa è una provocazione aperta e totale contro la Corea del Nord che potrebbe portare a una guerra nucleare in qualsiasi momento", si legge in un editoriale. "I guerrafondai americani e il loro fantoccio sudcoreano farebbero bene a ricordare che la loro esercitazione militare che ha per obiettivo la Corea del Nord è stupida perché un atto che accelera la loro autodistruzione".

"Non c'è molto tempo"
Ieri, il ministero degli Affari esteri della Corea del Nord aveva accusato l'amministrazione di Donald Trump di "volere la guerra nucleare a tutti i costi». Il consigliere per la Sicurezza nazionale americana, H.R. McMaster, da parte sua, ha avvertito sulla crescente possibilità di una guerra contro Pyongyang. "Penso che (la possibilità, ndr) stia aumentando ogni giorno, il che significa (...) che siamo in una corsa per risolvere il problema", ha avvertito. "Ci sono modi per affrontare questo problema al di fuori di un conflitto armato, ma è una corsa, non c'è ancora molto tempo".