2 giugno 2020
Aggiornato 07:00
Bruxelles mantiene la linea dura con Londra

Brexit, Tusk: «No all'accesso al mercato unico senza libera circolazione»

Il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk ha ribadito la posizione di Bruxelles a proposito dei futuri rapporti con Londra: senza libera circolazione, nessun accesso al mercato unico

BRUXELLES - Sono giorni di caos per l'Unione europea, dopo il referendum del 23 giugno che ha sancito l'uscita del Regno Unito dall'Ue. Giorni di caos e polemiche, in cui ferve il dibattito sulle modalità e i tempi in cui questo «divorzio» sarà reso ufficiale. Bruxelles sta cercando di accelerare le tempistiche, per evitare il più possibile il caos sui mercati, e di tenere il pugno duro sulle condizioni di uscita e sul dopo-Brexit. In proposito si è espresso anche il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk. «Speriamo che il Regno Unito sia un partner vicino a noi anche dopo l'uscita, ma lo ribadisco: l'accesso al mercato unito comporta l'accettazione di tutte e quattro le libertà, compresa la libera circolazione» delle persone, ha infatti spiegato.

Calmare le acque
«All'ultimo Consiglio c'è stata una discussione misurata e fredda - ha proseguito Tusk alla Plenaria di Strasburgo -, ora l'interesse di tutti è avere una uscita ordinata. I leader sono d'accordo nel lasciare calmare le acque e rispettare la volontà del governo britannico in attesa della notifica». «Tutti i leader - ha concluso - si sono detti d'accordo nell'essere uniti e lavorare assieme. Inoltre è stato escluso ogni negoziato senza la notifica formale della procedura di uscita».

Cambiamento
I 27 capi di Stato e di governo dell’Unione hanno dapprima ascoltato l’inglese David Cameron, poi, dopo la sua partenza, «si sono messi subito al lavoro per definire l’uscita del Regno Unito e per cominciare a riflettere sul futuro dell’Unione», ha detto Tusk. Un'Unione che, più che mai, «ha bisogno di cambiamenti». «Troppe persone nell’Unione sono insoddisfatte» del percorso comunitario e «noi dobbiamo rispondere concretamente a queste attese», ha concluso.

Linea dura
La linea dell'Unione sulla Brexit è stata ribadita anche dal presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker: «Non si può avere il mercato unico senza assicurare le quattro libertà, tra cui quella di movimento. Su questo punto sono d'accordo con il Consiglio europeo», ha puntualizzato.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal