17 luglio 2019
Aggiornato 00:00
Nel nordest del paese

Nigeria, violente esplosioni a Maiduguri: sotto accusa Boko Haram

La città è stata ripetutamente presa di mira dai fondamentalisti islamici. Intanto Boko Haram rivendica gli attentati di venerdì ad Abuja

MAIDUGURI - Diverse esplosioni sono state avvertite a Maiduguri, città nel nordest della Nigeria ripetutamente presa di mira dai fondamentalisti islamici di Boko Haram. Lo hanno riferito i residenti sul posto.
Hanno spiegato che fortissime deflagrazioni sono state avvertite nelle aree di Kayamla e Dalori, tre giorni dopo un attacco a Maiduguri dei ribelli che ha provocato dieci morti e numerosi feriti.

Boko Haram rivendica attentati di venerdì ad Abuja
Il gruppo jihadista di Boko Haram ha rivendicato i due attentati kamikaze che hanno causato la morte di 18 persone e il ferimento di altre 40 venerdì ad Abuja. La rivendicazione è stata postata su Twitter insieme a una foto con tre uomini armati con la bandiera dei miliziani e la didascalia «operazione di martirio».
Il post è firmato «lo Stato Islamico della provincia dell'Africa orientale», la nuova denominazione scelta da Boko Haram dopo l'affiliazione con l'Isis.
La polizia nigeriana aveva indicato che le due esplosioni erano state causate da un uomo e da una donna che si erano fatti esplodere rispettivamente nei quartieri di Kuje e di Nyanya.

(con fonte Askanews)