16 luglio 2019
Aggiornato 02:00
Valuta sotto pressione da giugno

Cina, il prossimo Paese che svaluterà? Nigeria

La svalutazione a sorpresa del renminbi cinese ha già obbligato altre banche centrali di paesi emergenti, come il Vietnam e il Kazakistan a seguire, e le scommesse sul mercato sono già aperte per la mossa successiva

PECHINO (askanews) - La svalutazione a sorpresa del renminbi cinese ha già obbligato altre banche centrali di paesi emergenti, come il Vietnam e il Kazakistan a seguire. Le scommesse sul mercato sono già aperte per la mossa successiva. Chi sarà il prossimo a svalutare? Bernd Berg, direttore per le strategie dei paesi emergenti a Societe Generale scommette sulla naira della Nigeria.

Sotto pressione da giugno
La valuta del Paese africano, scrive il Financial Times, è entrata sotto pressione a partire da giugno dello scorso anno in coincidenza con una brusca correzione dei prezzi petroliferi che ha giocato insieme ad altri fattori come le azioni terroristiche del movimento Boko Haram e l'incertezza sui risultati elettorali alla fine di marzo. A febbraio la banca centrale nigeriana è intervenuta sul mercato per arrestare il crollo del naira, di fatto svalutandola a quota 198 per dollaro. «Col recente calo dei prezzi petroliferi e le svalutazioni da parte di altri Paesi - ha scritto Berg in una nota - penso che la probabilità di una svalutazione sia aumentata notevolmente» con un potenziale deprezzamento che potrebbe arrivare a «oltre il 15».