22 ottobre 2019
Aggiornato 11:00
L'UE si dice profondamente colpita

Hollande: Serve più sorveglianza

Dopo la terribile tragedia dell'immigrazione, il Presidente francese ha sollecitato un vertice dei ministri degli Esteri e dei ministri degli Interni dell'Unione Europea e maggiore sorveglianza aerea e marittima. Intanto, l'Ue si dice profondamente colpita, e esorta i Paesi d'origine e di transito a prendere misure serie.

PARIGI (askanews) - Il presidente francese, Francois Hollande, ha sollecitato un vertice dei ministri degli Esteri e dei ministri degli Interni dell'Unione Europea dopo l'ennesima tragedia che ha coinvolto un barcone di migranti, che ha di nuovo evidenziato la crisi crescente nel Mar Mediterraneo.

Hollande: è la peggiore catastrofe degli ultimi anni
Hollande ha chiesto maggiore sorveglianza aerea e marittima dopo l'ultimo incidente nel Canale di Sicilia, che a suo giudizio potrebbe rappresentare «la peggiore catastrofe negli anni recenti» nel Mar Mediterraneo. Parole di cordoglio anche dall'Ue. L'Unione è «profondamente colpita» dal nuovo naufragio di un barcone di migranti, che potrebbe aver provocato fino a 700 morti, e ha annunciato il prossimo svolgimento di una riunione dei ministri degli Interni e degli Affari Esteri per prendere provvedimenti.

Ue: i Paesi terzi facciano qualcosa
«Finchè i Paesi d'origine (dei migranti) e i Paesi di transito non prenderanno misure per evitare queste traversate disperate, le persone continueranno a mettere la loro vita in pericolo. Gran parte del nostro approccio è lavorare con i Paesi terzi. Una riunione congiunta con i ministri degli Interni e degli Esteri sarà organizzata a questo scopo», ha annunciato la Commissione Europea in una nota.