2 dicembre 2022
Aggiornato 18:00
Relazioni internazionali

Russia ed Europa: quale è il futuro?

Le relazioni tra la Russia e l'Europa sono in crisi. E le ragioni sono più profonde rispetto alla sola situazione in Ucraina. Russia ed Europa non sono state in grado di costruire, «grazie» agli sforzi degli Stati Uniti, uno spazio comune da Lisbona a Vladivostok.

Le relazioni tra la Russia e l'Europa sono in crisi. E le ragioni sono più profonde rispetto alla sola situazione in Ucraina. Russia ed Europa non sono state in grado di costruire, "grazie" agli sforzi degli Stati Uniti, uno spazio comune da Lisbona a Vladivostok.

L'Europa non è in grado di perseguire una politica indipendente. Non possiede il self-empowerment, e forse, non lo desidera. Soprattutto nell’ambito politico-militare. La crisi nelle relazioni tra la Russia e l'UE si manifesta nelle forme più inaspettate, e l'espansione verso est della NATO aggiunge solo benzina sul fuoco. In effetti è chiara la mancanza di unità politica nella stessa Europa. Tutto ciò dimostra la frammentazione dell'UE.

La politica britannica è il barometro delle relazioni euro-atlantiche. Washington si basa su Londra per trasmettere le proprie politiche. Oggi, Londra, di norma, funge da "critica europea".

La strategia della NATO è costruita sulla tradizionale visione americana. Senza gli USA il blocco militare non può esistere. Nel contesto della difficile situazione economica e finanziaria l'Europa con difficoltà s’impegna sulle spese militari. Ma è necessario. Il partner d'oltremare non riesce a rilassarsi. E ha mandato un dictat chiaro a Bruxelles, "riempire" di sanzioni Mosca per l'incorporazione della Crimea e la sua posizione in Ucraina, ha detto il capo del dipartimento per la Sicurezza Europea, dell’Istituto d'Europa dell’Accademia Nazionale delle Scienze Dmitry Danilov,

L’entrata della Crimea in Russia è stata originariamente definita dai nostri partner occidentali avversi «aggressione russa», «annessione», «aggressione armata». In queste circostanze, tutte le sanzioni vengono da questa conoscenza di base. La Russia non potrà mai rinunciare alla Crimea e a Sebastopoli. In questo caso, Europa e Stati Uniti cadono nella trappola della loro stessa logica di sanzioni. Uscir fuori dalle sanzioni è molto improbabile nel prossimo futuro, perché per fare questo, è necessario riconoscere la Crimea e Sebastopoli come russe. L’Occidente non lo farà.

Il raggiungimento degli accordi di Minsk coincide cronologicamente con l'introduzione del terzo pacchetto di sanzioni dell'Unione Europea contro la Russia e del ciclo di negoziati sull'integrazione europea con l'Ucraina. Significa che il problema non è l’Ucraina? Quindi, la linea di demarcazione tra l'Europa e la Russia è utile a qualcuno? Secondo il capo del Centro Studi per la Difesa del settore della sicurezza regionale RISI Sergej Ermakov,

Il raffreddamento è avvenuto non sullo sfondo del confronto politico-militare o sui disaccordi con l'Europa, ma in un contesto di questioni economiche che potrebbero essere risolte pacificamente. Inoltre, con l’Europa vi è costantemente in corso un dialogo in materia di armonizzazione delle nostre relazioni, che è quello che chiamano una estesa associazione di categoria europea. Da parte nostra, è l'Unione doganale e l'Unione eurasiatica. Ma al posto dell’armonizzazione, abbiamo ottenuto quello che abbiamo ottenuto.

Le sanzioni stanno cambiando la logica delle relazioni strategiche tra Russia e UE. Cosa succederà dopo? Solo il tempo ce lo saprà dire. Ma mentre il comandante delle forze NATO in Europa Breedlove si rivolge al Pentagono per ottenere la fornitura di truppe e armi aggiuntive legate presumibilmente alla continua minaccia russa. A capo del Pentagono, Hagel recentemente ha seriamente sostenuto che la Russia si avvicina ai confini della NATO ...

È chiaro che con tale Europa la Russia non sarà in grado di stabilire un dialogo nel breve periodo.