18 gennaio 2020
Aggiornato 10:00
L'ammonimento di Moody's

L'epidemia dell'Ebola avrà un grave impatto sull'economia africana

Nonostante l'annuncio di un contributo da parte della Banca mondiale di 200 milioni di dollari (circa 150 milioni di euro) per arginare l'emorragia delle economie dell'Africa occidentale, Guinea e Sierra Leone, il cui deficit di bilancio supera il 3% del prodotto interno lordo, «sono anche suscettibili di vedere i loro bilanci deteriorarsi a causa delle spese supplementari per la salute», ha detto

PARIGI - L'epidemia di Ebola, che ha colpito l'Africa occidentale con oltre 1.000 morti, potrebbe avere un «forti ripercussioni economiche e di bilancio» sui paesi della regione, ha ammonito oggi Moody's. «Lo scoppio dell'epidemia potrebbe avere un impatto finanziario diretto sui bilanci pubblici a causa della crescita della spesa sanitaria», ha scritto l'agenzia di rating americana in uno studio.

Il ministro delle Finanze della Liberia Amara Konneh ha già indicato che le spese relative al virus Ebola sono costate 12 milioni di dollari nel secondo trimestre e dovrebbero «inevitabilmente aumentare con la diffusione dell'epidemia nel terzo trimestre», ha scritto l'agenzia.

Nonostante l'annuncio di un contributo da parte della Banca mondiale di 200 milioni di dollari (circa 150 milioni di euro) per arginare l'emorragia delle economie dell'Africa occidentale, Guinea e Sierra Leone, il cui deficit di bilancio supera il 3% del prodotto interno lordo, «sono anche suscettibili di vedere i loro bilanci deteriorarsi a causa delle spese supplementari per la salute», ha detto Moody's. Fortemente dipendenti dal settore minerario, le economie dell'Africa occidentale dovranno rivedere i loro rispettivi tassi di crescita.

In una prima valutazione da parte della Banca mondiale e del Fondo monetario internazionale (FMI), la Guinea potrebbe vedere la sua crescita ridotta di un punto a causa della crescita dell'epidemia al 3,5% invece del 4,5%. In Liberia, le autorità hanno già indicato che potrebbe essere necessario «rivedere al ribasso» le previsioni di crescita, originariamente fissate al 5,9%.

Illustrando l'impatto economico della crisi sanitaria, il gigante dell'acciaio ArcelorMittal ha annunciato che l'espansione di un sito minerario di di ferro è stato bloccato a causa della fuga dei subappaltatori, che hanno preferito evacuare i loro dipendenti.

Da parte sua, la Sierra Leone rischia di sperimentare «una decelerazione dopo tasso di crescita record del 16% nel 2013», ha detto Moody's. La società britannica London Mining ha annunciato nel mese di giugno di aver evacuato tutto il suo personale «non essenziale» da quel paese, assicurando tuttavia di non prevedere un calo della produzione.

Il caso della Nigeria, il maggiore produttore di petrolio del continente, solleva il maggior numero di preoccupazioni: «Le conseguenze per l'industria petrolifera e del gas dell'Africa occidentale sarebbero sostanziali» se Lagos, la città più popolosa in Africa fosse colpita dall'epidemia, avverte Moody's. «La comparsa dell'epidemia andrebbe ad incidere sulla la forza lavoro locale e, probabilmente, spingerebbe le compagnie petrolifere ad evacuare il personale espatriato con gravi conseguenze sulla produzione», ha detto l'agenzia di rating.