23 giugno 2024
Aggiornato 02:30
Terrorismo

Bomba davanti alla Banca centrale di Atene

Una Nissan, rubata, imbottita con 75 chilogrammi di esplosivo è stata fatta detonare alle 3 della notte tra il 9 e il 10 aprile davanti alla sede dell'istituto bancario, poco distante dagli uffici della Troika. L'attentato cade in un giorno non casuale: il ritorno della Grecia sul mercato internazionale dei bond e alla vigilia della visita nella capitale di Angela Merkel

ATENE – Esplosione nella notte davanti alla Banca centrale di Atene nel giorno in cui c'è stato il ritorno sul mercato dei bond della Grecia, dopo 4 anni di assenza. Una Nissan, rubata, imbottita con 75 chilogrammi di esplosivo è stata fatta detonare alle 3 della notte tra il 9 e il 10 aprile davanti alla sede dell'istituto bancario, poco distante dagli uffici della Troika.

Un'ora prima dello scoppio, che fortunatamente non ha provocato vittime, era arrivata una doppia segnalazione al sito Internet Zougla e al giornale Efymerida ton Syndakton. L'attentato cade in un giorno non casuale per la Grecia, che vede il ritorno del Paese, per altro col botto, sul mercato internazionale dei bond con l'emissione di un prestito obbligazionario quinquennale, per un importo di 2,5 miliardi di euro. Non solo: l'episodio è avvenuto alla vigilia della visita nella capitale del cancelliere tedesco Angela Merkel, alla sua seconda visita in Grecia dall'inizio della crisi.