11 dicembre 2019
Aggiornato 09:00

Ahmadinejad: Serve un nuovo ordine mondiale

Il Presidente iraniano da Cuba: «Altrimenti saranno gli eredi degli schiavisti a imporcelo. Oggi, il solo ricorso che resta al capitalismo, è uccidere, è un sistema che è fallito, in decadenza»

L'AVANA - Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha invitato a stabilire un «nuovo ordine mondiale» basato sulla giustizia, di fronte alla «decadenza del capitalismo» chi si trova secondo lui «in un'impasse».
«Osserviamo che il sistema capitalista si trova in decadenza, in diversi posti si trova in un'impasse» , ha affermato il presidente iraniano durante una conferenza tenuta all'università dell'Avana, alcune ore dopo il suo arrivo a Cuba per una visita di ventiquattro ore, nel quadro di un tour regionale.

«Altrimenti saranno gli eredi degli schiavisti a imporcelo» - Mahmoud Ahmadinejad ha giudicato necessario instaurare un «ordine nuovo, un nuovo sguardo, che rispetti tutti gli esseri umani, basato sulla giustizia». E' necessario «mantenerci svegli, dare l'allarme, se non prepariamo noi stessi il nuovo ordine del mondo, saranno gli eredi degli schiavisti e dei capitalisti che ci imporranno un nuovo sistema», ha aggiunto il presidente iraniano che ha ricevuto una laurea honoris causa in scienze politiche dall'università dell'Avana. Senza affrontare esplicitamente il problema del programma nucleare del suo Paese, il presidente iraniano ha concentrato i suoi attacchi sui grandi Paesi capitalisti e in particolare gli Stati Uniti. «Oggi, il solo ricorso che resta al capitalismo, è uccidere, è un sistema che è fallito, in decadenza», ha giudicato. «Quanti fanno la guerra con l'unico scopo di vincere le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, uccidendo migliaia e milioni di persone, hanno il cuore completamente vuoto di amore e affetto per il prossimo», ha aggiunto. «Il nostro compito comune, la nostra missione e la nostra sfida, è compiere tutti i nostri sforzi perché si stabilisca la giustizia», ha concluso il presidente iraniano.