1 giugno 2020
Aggiornato 11:00
Afghanistan

Gli USA inviano carri armati M1A1 contro talebani

Lo ha annunciato la missione internazionale a guida Nato. Sono armamenti di nuova generazione

KABUL - Per la prima volta in nove anni di guerra, gli Stati Uniti invieranno carri armati di nuova generazione in Afghanistan. Lo ha annunciato la missione internazionale a guida Nato in Afghanistan (Isaf).
Complessivamente, 14 carri M1A1 Abrams accompagnati da 115 Marines americani saranno mandati nel sud del Paese, regione dove i combattimenti con i talebani sono particolarmente intensi, ha dichiarato in una intervista con l'Afp a Kabul un alto responsabile dell'Isaf. La fonte ha precisato che i M1A1 saranno dispiegati nelle province di Helmand e di Kandahar e che sono «assolutamente necessari e utili» per le operazioni in un terreno desertico ostile.

«Permetteranno ai Marines di isolare le forze ribelli dalle zone chiave e di attaccare i covi dei guerriglieri», ha aggiunto il responsabile. Il comando spera che i carri aiuteranno a recuperare delle strade strategiche lungo le quali i ribelli collocano dei congegni esplosivi. «I carri sono in grado di infliggere delle perdite agli insorti, procedendo a dei tiri di precisione con pochi rischi di perdite civili o di danni collaterali», ha detto ancora il responsabile dell'Isaf.
I M1A1 sono equipaggiati di un cannone di 120 mm che può distruggere dei bersagli situati fino a quattro chilometri di distanza, pesano 63 tonnellate e possono raggiungere i circa 70 km/h.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal