20 ottobre 2020
Aggiornato 01:30

Haiti, 142 sfollati a Pratica di Mare venerdì

35 i bambini bisognosi di cure, saranno ospitati dalla Cri

ROMA - Partirà giovedì 11 febbraio l'operazione di Croce Rossa Italiana da Haiti all'Italia. Un volo, messo a disposizione grazie a Protezione Civile e Ministero della Difesa, porterà in Italia 30 nuclei familiari con bambini affetti da patologie croniche, che in questo momento non trovano spazio negli ospedali riempiti dai feriti causati dal terremoto.

I 35 bambini che riceveranno cure in Italia soffrono di patologie neurologiche, ortopediche, immunodeficienze, diversamente abili, sindrome di down. Nella lista, preparata dalla Croce Rossa di Haiti, insieme al team leader italiano Leonardo Carmenati, ci sono anche 16 nuclei familiari che con il terremoto hanno perso tutto e che vivono situazione drammatiche di povertà. L'operazione è stata possibile anche grazie all'intervento del Ministero per gli Affari Esteri e del Ministero dell'Interno che metterà a disposizione uno speciale nucleo di polizia di frontiera.

In totale il volo imbarcherà 142 persone, tra accompagnatori e bambini. Per il rispetto dei nuclei familiari e per non creare altri problemi al bambino malato, la Croce Rossa Italiana ha deciso di far partire ogni minore con la mamma e tutti i fratelli e le sorelle. Inoltre, alla fine del periodo di cura, la Croce Rossa Italiana si farà carico di un percorso di rientro protetto in Haiti, continuando a sostenere le famiglie con un alloggio dignitoso e adeguati progetti di sostegno.

Il Commissario straordinario della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, accompagnerà i bambini da Port au Prince all'Italia, insieme a personale medico-sanitario e ad alcuni giovani della CRI specializzati nella clowneria per intrattenere i bambini durante il lungo volo aereo. Una volta arrivati in Italia i piccoli verranno ospitati in strutture sanitarie. L'arrivo del volo da Port au Prince è previsto intorno alle 11 di venerdì 12 febbraio a Pratica di Mare.