20 luglio 2024
Aggiornato 15:00
Crisi Caucaso

Georgia, le truppe Russe cominciano la ritirata

Via dal porto strategico di Poti e da cinque postazioni militari

Mosca mantiene gli impegni presi dopo la crisi in Georgia: .le truppe russe in mattinata si sono ritirate dallo strategico porto georgiano di Poti, sul Mar Nero, e contestualmente hanno chiuso anche cinque postazioni nella Georgia occidentale, che avevano finora occupato.

Testimoni oculari hanno riferito che i soldati di Mosca si sono allontanati a bordo di camion pesanti e veicoli blindati, diretti verso l'Abkhazia, Repubblica autonoma ribelle la cui indipendenza da Tbilisi e' stata riconosciuta unilateralmente dal Cremlino, e da dove non e' prevista alcuna ritirata.

Finora risultano dunque rispettati i termini dell'accordo concluso l'8 settembre scorso a Mosca tra il presidente francese Nicolas Sarkozy, alla testa di una delegazione dell'Unione Europea, e l'omologo russo Dmitry Medvedev; l'intesa prevede che la Russia lasci entro un mese l'intera Repubblica caucasica, eccettuate la stessa Abkhazia e l'altra entita' separatistica, l'Ossezia del Sud.