6 luglio 2020
Aggiornato 15:30
Fase 3

La recessione causata dall'emergenza coronavirus sarà «profonda» e «duratura»

E' quanto prevede Coop Italia, che per quest'anno stima un crollo del Pil pari al -10,1% e dei consumi del -7,5% mentre la disoccupazione è in crescita al 12,7%

La recessione causata dall'emergenza coronavirus sarà «profonda» e «duratura»
La recessione causata dall'emergenza coronavirus sarà «profonda» e «duratura» ANSA

La recessione causata dall'emergenza coronavirus sarà «profonda» e «duratura». E' quanto prevede Coop Italia, che per quest'anno stima un crollo del Pil pari al -10,1% e dei consumi del -7,5% mentre la disoccupazione è in crescita al 12,7%. Nel corso di un incontro in streaming dal titolo «Coop e la fase 2. Lo scenario e le iniziative della ripartenza» Marco Pedroni e Maura Latini, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Coop Italia, hanno elencato le priorità in vista degli stati generali dell'economia annunciati dal premier Giuseppe Conte: «Occupazione, sostegno ai redditi e ai consumi per le fasce deboli, investimenti pubblici per modernizzare il Paese, politica fiscale a favore della sostenibilità e dell'ambiente a partire dall'Iva».

Con l'emergenza sanitaria le coop hanno sostenuto «un costo aggiuntivo, che noi consideriamo investimenti, stimato in modo prudenziale in oltre 50 milioni di euro», hanno riferito Pedroni e Latini. Nella fase più acuta del Covid-19 (marzo-aprile) c'è stato un aumento delle vendite pari al 5% che ha però riguardato i supermercati di medie dimensioni ((+16%) e i negozi di vicinato (+25%), mentre gli ipermercati e i superstore hanno registrato un calo delle vendite pari all'11%. Nel complesso ci sono stati meno ingressi nei punti vendita e il 40% in meno di scontrini. Tuttavia, lo scontrino medio è stato di 46 euro contro i 26 euro dei mesi precedenti.

I prodotti a marchio Coop venduti sono cresciuti del 25%, +25% crescita vendita prodotti a marchio, con un aumento della spesa per i prodotti basici e per l'igiene e una flessione di quelli ad alto contenuto di servizio. A maggio, inoltre, le vendite sono aumentate del 4% (-8% ipermercati, +12% supermercati medie dimensioni e +14% negozi di vicinato).

Nella fase 1, quella più acuta dell'emergenza (marzo-aprile e primi giorni di maggio), l'attività delle coop si è concentrata su tre direttrici: sicurezza dei punti vendita, attività a favore dei consumatori e operazioni sociali e solidaristiche. C'è stata la messa in sicurezza di clienti e dipendenti (regole di igiene e distanziamento a punto vendita per una spesa in massima sicurezza), sono stati forniti dispositivi di protezione individuali ai dipendenti e per gli ambienti (barriere e distanziatori), sono state predisposte le chiusure domenicali per garantire riposo ai dipendenti in prima linea e favorire la razionalizzazione delle spese.

Le coop hanno garantito la continuità delle forniture a punto vendita, bloccando i prezzi di tutti i prodotti confezionati industriali a proprio marchio e di tutte le altre marche (18mila prodotti) fino al 31 maggio. Sono state offerte garanzie ai produttori di settori in difficoltà (latte e floricoltura) e messe in campo azioni a sostegno delle persone in difficoltà. E' stato siglato un protocollo nazionale con protezione civile, Anci e associazioni di volontariato per consegnare la spesa a chi ne aveva bisogno attraverso i proprio punti vendita (consegnate 100mila pese). Sono poi state donate 4,4 milioni di mascherine per un valore di 3 milioni di euro, acquistate attraverso la propria filiale di Hong Kong nel momento di massima necessità. E, infine, è stato applicato uno sconto del 10% sui buoni spesa messi a disposizione del Governo, attraverso i comuni, per le famiglie in difficoltà.

Coop Italia ha confermato anche i dati sulla spesa degli italiani durante l'emergenza: dal 24 febbraio e per le prima tre settimane c'è stata la cosiddetta «spesa bunker»: pasta e riso +50%, olio oliva +35%, conserve pomodoro +57% e carne in scatola +65%. Con il lockdown, a partire dal 16 marzo la spesa degli italiani è andata via via cambiando: pasta e riso +10%, olio d'oliva +9%, conserve pomodoro +36%, carne in scatola +30%, farina +180%, lievito +170%, pesce fresco -8%, colorazioni capelli +165%, profilattici -40%, prodotti per il make-up -30%, vendite dimezzate per gel per capelli, prodotti viaggio -80%.

A maggio si sono ridimensionate le vendite dei prodotti a lunga conservazione, mentre sono ripartite le vendite dei prodotti a completamento della dieta base, per esempio pesce fresco da -8% a +10%. I profilattici sono passati da -40% a -18%, la colorazione dei capelli da +165% a +30%.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal