19 marzo 2019
Aggiornato 20:00
Commercio

Voglia di saldi per 7 italiani su 10

In crescita soprattutto nelle regioni del Nord Ovest la percentuale degli acquisti online: 18,9% contro il 15% nel 2018. Il 48,6% delle imprese del commercio sono preoccupate per la concorrenza del web

Voglia di saldi per 7 italiani su 10
Voglia di saldi per 7 italiani su 10 ANSA

ROMA - Il 61,6% degli italiani attende i saldi, soprattutto le donne, il 68,3% contro il 56,2% degli uomini. Aumenta anche la percentuale di chi ritiene molto importante il periodo degli acquisto con lo sconto: il 45,1% contro il 44,9% del 2018. Questi alcuni dei risultati principali dell'indagine sugli acquisti degli italiani in occasione della prossima stagione dei saldi invernali realizzata da Confcommercio Imprese per l'Italia in collaborazione con Format Research.

Gli italiani acquisteranno con gli sconti prevalentemente capi di abbigliamento il 95,7%, calzature l'80,3%, accessori (sciarpe e guanti) per il 34% e biancheria intima 28,7%. Gli uomini fanno le loro spese in prevalenza nei negozi di fiducia/abituali, le donne invece in misura lievemente maggiore preferiscono cercare il prezzo più conveniente in nuovi negozi.

Preoccupa la concorrenza del web

In crescita soprattutto nelle regioni del Nord Ovest la percentuale degli acquisti online: 18,9% contro il 15% nel 2018. Il 48,6% delle imprese del commercio sono preoccupate per la concorrenza del web. Gli italiani comunque continuano a dare sempre più importanza alla qualità, sebbene il fattore prezzo influisca comunque sull'acquisto di un determinato prodotto. In aumento la percentuale di chi attende il periodo dei saldi per acquistare i prodotti griffati/di marca (22,3% rispetto al 19,7% registrato in occasione dei saldi di gennaio 2018). Circa il 30% è la media di sconto che faranno i commercianti. Aumenta lievemente il senso di tutela nell'acquisto dei prodotti a saldo (68,2% dei rispondenti si sentono molto o abbastanza tutelati contro il 67,1% del 2018).

FederModaMilano prevede vendite per 430 milioni

FederModaMilano (Confcommercio Milano) stima in 430 milioni di euro le vendite nell'area metropolitana in occasione dei saldi invernali, al via da domani 5 gennaio. L'attesa dei commercianti è di un acquisto medio a famiglia di 362 euro e, a persona, di quasi 170 euro. Lo sconto medio dei saldi invernali milanesi sarà dal 30 al 40%. «A Milano le stime sui saldi sono leggermente migliori rispetto al dato nazionale e dello scorso anno. Auspichiamo che questi saldi rispecchino le attese degli operatori del fashion retail e risveglino i consumi. Nei negozi di prossimità si troveranno 'vere' occasioni, attenzione al consumatore, personalizzazione e affidabilità del servizio» ha commentato il presidente di FederModaMilano, Renato Borghi.