18 settembre 2020
Aggiornato 12:30
matteo contro elsa

Riforma Fornero, domani la Lega Nord manifesterà sotto casa dell'ex ministro: «Ruspa!»

Il leader del Carroccio ha lanciato dal suo profilo facebook una contromanifestazione che si svolgerà a San Carlo Canavese, la città natale di Elsa Fornero

ROMA - Stanno per cominciare quarantotto ore di fuoco sul fronte delle pensioni. Domani il leader del Carroccio, Matteo Salvini, guiderà una manifestazione a San Carlo Canavese, città natale dell'ex ministro Elsa Fornero. E sabato 2 aprile una mobilitazione nazionale promossa dai sindacati Cgil, Cisl e Uil mobiliterà tutto il paese.

Sabato 2 aprile la mobilitazione sindacale
I sindacati sono pronti a scendere in piazza sabato 2 aprile per chiedere una riforma della legge Fornero. La mobilitazione nazionale che coinvolgerà tutto il paese ha per slogan: "Cambiare le pensioni e dare lavoro ai giovani». Lo scopo di Cgil, Cisl e Uil è quello di indurre il governo Renzi a intervenire quanto prima: la stessa richiesta viene avanzata anche dal presidente dell'Inps, Tito Boeri. Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo saranno presenti rispettivamente a Venezia, Roma e Napoli.

Venerdì 1 aprile la manifestazione della Lega Nord
In anticipo rispetto alla mobilitazione sindacale, domani sarà invece la volta della Lega Nord. Il leader del Carroccio infatti ha lanciato dal suo profilo facebook una contromanifestazione che dovrebbe svolgersi a San Carlo Canavese, la città natale dell'ex ministro Elsa Fornero. Questo il post di Matteo Salvini: «La Fornero, con la sua legge infame (votata dal Pd), ha rovinato milioni di italiani! E Renzi non ha mosso un dito per cambiarla. Schifo e vergogna! Vi aspetto questo venerdì, 1° aprile, in piazza a San Carlo Canavese (To), paese natale della signora: noi non molliamo!».

Salvini: "Ruspa per i sindacati"
Salvini attacca anche i sindacati: «Monti racconta come nel 2011 hanno rovinato la vita di milioni di italiani: 'Abbiamo approvato la riforma Fornero semplicemente, i sindacati non ci hanno fatto nessuna rivolta sociale, solo due ore simboliche di sciopero'. Avete capito bene. Tutti insieme complici del disastro italiano. Anche per i sindacati... Ruspa».Nell'attesa di assistere domani alla manifestazione della Lega Nord, è arrivata la (secca) risposta della Fornero: «Non rispondo a queste provocazioni. Devo presumere che Salvini si muova strettamente in un contesto di legalità. Se poi ci fossero degli elementi di illegalità, sarà compito delle autorità competenti occuparsene», ha concluso l'ex ministro.