20 ottobre 2018
Aggiornato 07:30

Boeri, nuovo attacco al governo sulle pensioni

Il presidente dell'Inps, Tito Boeri, in audizione alla Camera avverte l'esecutivo: «Con quota 100 sulle pensioni il debito salirà di 100 miliardi»

ROMA - «Uscite consentite con un minimo di 38 anni di contributi e 62 di età oppure abolendo l'indicizzazione alla speranza di vita dei requisiti contributivi minimi per la pensione anticipata (a tutte le età) portano ad un incremento dell'ordine di 100 miliardi del debito pensionistico destinato a gravare sulle generazioni future e, già nel 2021 a un incremento ulteriore, oltre la famosa gobba, di circa un punto di Pil della spesa pensionistica». A lanciare l'allarme è il presidente dell'Inps, Tito Boeri, in audizione alla Camera.

RISCHI - «Il lavoro dell'istituto per raccogliere fondi da imprese e lavoratori per pagare le pensioni in essere - ha avvertito - sarebbe fortemente indebolita nel caso venissero varate misure di condono contributivo, che hanno il duplice effetto di diminuire le entrate ed aumentare le uscite. Il rischio allora è quello di minare alle basi la solidità del nostro sistema pensionistico».