17 settembre 2019
Aggiornato 16:22
trattiva area 4

Exxon tratta con Eni acquisto quota progetto gas Mozambico (Wsj)

L'oggetto delle trattative riguarda l'Area 4, destinata a diventare il principale fornitore di gas naturale liquefatto. Il Wsj dice che potrebbe contenere una quantità enorme della risorsa naturale

ROMA - Exxon Mobil è protagonista di trattative avanzate per acquistare da Eni una quota di un giacimento di gas naturale al largo delle coste del Mozambico. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui l'acquisizione potrebbe essere annunciata nelle prossime settimane. I dettagli scarseggiano ma secondo una fonte citata dal quotidiano finanziario, il negoziato riguarda una quota di circa il 20% in un progetto di cui Eni controlla il 50%.

Presupponendo che vada a buon fine, l'operazione sarebbe un affare per la compagnia petrolifera americana che ha una capitalizzazione di circa 350 miliardi di dollari. Una partecipazione del 20% fu venduta per oltre 4 miliardi di dollari nel 2013. Ma ora Exxon può permettersi di andare a caccia di affari sfruttando il tonfo dei prezzi del petrolio, pari al 65% dal giugno del 2014. Exxon - che vanta un rating di tripla A e che recentemente ha venduto bond per 12 miliardi di dollari - pare sia interessato a diventare un operatore del progetto. L'oggetto delle trattative riguarda l'Area 4, destinata a diventare il principale fornitore di gas naturale liquefatto. Il Wsj dice che potrebbe contenere una quantità enorme della risorsa naturale tanto da potere soddisfare i consumi a uso residenziale negli Stati Uniti per quasi 20 anni.

Essa fa parte di varie scoperte nell'Oceano Indiano fatte originariamente da Eni e Anadarko, che invece è l'operatore dell'Area 1 con una quota del 26,5%. Come recita un comunicato recente di Eni, il gruppo italiano è operatore dell'Area 4 con una partecipazione indiretta del 50% detenuta attraverso Eni East Africa (Eea), la quale detiene il 70% dell'Area 4 stessa. Gli altri concessionari sono Galp Energia, Kogas e Empresa Nacional de Hidrocarbonetos (Enh), con una quota di partecipazione del 10% ciascuno. Cnpc ha una partecipazione indiretta del 20% nell'Area 4, attraverso Eni East Africa.