21 novembre 2019
Aggiornato 02:00
l'italia è il secondo paese manifatturiero d'europa

Made in Italy, ecco i Premi Leonardo conferiti oggi al Quirinale

Gli imprenditori premiati sono stati Zegna, Piourfallah, Campari, Fiam, Ima, Rana, Pedrollo

Sergio Mattarella.
Sergio Mattarella. Shutterstock

ROMA - Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha assegnato oggi in Quirinale i prestigiosi Premi Leonardo 2015 agli imprenditori che hanno contribuito in modo significativo ad affermare e consolidare il Made in Italy nel mondo. Alla cerimonia hanno presenziato il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, il Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, il Presidente del Comitato Leonardo Luisa Todini e il Presidente dall'Agenzia ICE Riccardo M. Monti nonché numerosi imprenditori e autorità.

L'iniziativa e i premi conferiti quest'anno
L'iniziativa - si legge in un comunicato - è stata promossa dal Comitato Leonardo, che nato nel 1993 dall'idea comune di Sergio Pininfarina, Gianni Agnelli, Confindustria e ICE, conta oggi oltre 150 associati tra personalità e aziende. Il Comitato Leonardo, fin dalla sua costituzione promuove, diffonde e rafforza l'immagine e l'eccellenza del Made in Italy. Il Premio Leonardo è stato assegnato a Ermenegildo Zegna, AD del Gruppo Zegna, per essersi particolarmente distinto nel promuovere l'immagine dell'Italia nel mondo. Il Premio Leonardo International è stato conferito a Ahmad Pourfallah, Presidente della Camera di Commercio Irano-Italiana per aver contribuito a sviluppare e migliorare i legami culturali ed economici tra l'Iran e l'Italia. I Premi Leonardo Qualità Italia sono stati attribuiti ad aziende che si sono distinte per qualità e vocazione all'export. Parliamo di importanti player a livello globale: Davide Campari-Milano SpA, FIAM Italia, Ima SpA, Pastificio Rana SpA e Pedrollo SpA.

Il Made in Italy è una risorsa preziosa
«I Premi Leonardo anche quest'anno evidenziano le punte di eccellenza italiana in vari settori produttivi, dalla moda, all'industria alimentare, dalla meccanica, al design e all'arredo. I dati positivi dell'export 2015 dimostrano come queste assolute realtà poggino su una solida base industriale - ha affermato nel suo intervento il Presidente del Comitato Leonardo Luisa Todini - «L'export continua ad essere un asset strategico dell'economia italiana: corrono gli ordinativi dell'industria e aumentano le esportazioni. Il Made in Italy diviene in questo quadro una risorsa preziosa su cui puntare non solo per il fatto di essere apprezzato in tutto il mondo ma anche perché attribuisce all'Italia la capacità di esprimere totalmente creatività e offrire alta qualità. Qualità che si basa anche sulla forte alleanza tra digitale ed economia reale, che in questa fase di grande volatilità della finanza e dei mercati, rafforza e traina la ripresa economica.»

Guidi: Vogliamo supportare gli imprenditori italiani
«Come Istituzioni vogliamo fornire supporto agli imprenditori: vogliamo riagganciare la ripresa. In questi due anni, il Governo ha introdotto diverse riforme strutturali che già stanno dando i loro risultati» - ha detto il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi - «Stiamo lavorando in modo coeso perché avvenga il passaggio da un'economia manifatturiera a una moderna economia industriale nella quale la ricerca e lo sviluppo, l'innovazione, il rinnovo degli impianti e la piena integrazione coi servizi possano svilupparsi. In questa direzione abbiamo elaborato il piano "Manifattura Italia" che sarà presentato nelle prossime settimane. Parliamo, a questo proposito, di "quarta rivoluzione industriale" perché l'insieme delle novità tecnologiche e organizzative e la digitalizzazione dei processi aiuteranno a riprogettare tutto il paradigma produttivo.»

L'Italia è il secondo paese manifatturiero in Europa
«Il Premio Leonardo celebra il valore delle imprese italiane e della loro capacità di rappresentare al meglio il nostro Paese nel mondo» - ha dichiarato il Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi - «In questi difficili anni di crisi, le aziende premiate oggi, come tantissime altre realtà del nostro tessuto, sono la dimostrazione di come si possono superare le difficoltà investendo con impegno e costanza. La ricerca e l'innovazione sono il motore della crescita in tutti i settori e non bisogna mai avere paura di investire. Se oggi siamo ancora il secondo paese manifatturiero in Europa, lo dobbiamo proprio alla qualità e alla tenacia delle nostre imprese.»

Un doveroso riconoscimento a chi fa dell'Italia un paese ammirato
«Questo premio - ha sottolineato il Presidente dell'Agenzia ICE, Riccardo Maria Monti - è un doveroso riconoscimento a chi più di ogni altro fa dell'Italia un grande Paese ammirato, amato e, perché no, anche imitato. Dobbiamo essere molto fieri delle aziende che dall'Italia sono partite alla conquista dei mercati, contribuendo a rafforzare l'immagine del nostro Paese all'estero: esse ci indicano la strada. La dimensione internazionale - ha proseguito Monti - è la dimensione naturale della nostra economia, e la globalizzazione rappresenta per noi una straordinaria opportunità. Gli imprenditori qui premiati, oltre ad essere ambasciatori delle loro aziende, sono ambasciatori dei valori con cui vogliamo che il nostro Paese continui a essere identificato: eccellenza, bellezza, meritocrazia, crescita, internazionalità».

I Premi di Laurea messi a disposizione dalle aziende italiane
Un momento importante della Cerimonia è stato anche dedicato ai giovani vincitori dei Premi di Laurea messi a disposizione da prestigiose aziende italiane: Alfredo Canessa-Centro di Firenze per la moda italiana, Annamaria S. Leucio, Clementino Bonfiglioli, Centro Orafo il Tarì, Fabbri 1905, Fondazione Manlio Masi, G.S.E. Gestore Servizi Energetici, Liu Jo Luxury, Perini Navi, Simest. «Il futuro dell'Italia è costituito dalle università, dalle scuole e dai centri di istruzione perchè è da lì che nascerà il prossimo motore del nostro Paese. Giovani leve sulle quali dobbiamo investire e trasmettere loro il nostro know-how avvicinandoli sempre di più al mondo del lavoro - continua Luisa Todini - «Dal 1997 il Comitato Leonardo si impegna a coltivare il talento dei giovani, sostenendo i progetti più innovativi e, grazie all'iniziativa dei Premi di Laurea, con la collaborazione delle aziende associate, ha potuto supportare centinaia di neolaureati di tutta Italia, investendo nel futuro della nostra economia.»