19 agosto 2019
Aggiornato 12:00
Il ministro alla Festa dell'Unità

Madia: «Nella Legge di Stabilità ci occuperemo dei contratti della PA»

Il ministro della Pubblica amministrazione ha ribadito che nel ddl stabilità ci saranno le risorse per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego

MILANO (askanews) - Il governo andrà avanti senza fermarsi con l'attuazione della riforma della pubblica amministrazione. Lo ha assicurato il ministro della pubblica amministrazione, Marianna Madia, a margine della festa nazionale dell'Unità.

Madia: Al governo serve tempo, ma stiamo lavorando
Quanto alla possibilità che i decreti attuativi possano arrivare già a settembre ha aggiunto: «Questo lo vedremo nelle prossime settimane. Certamente noi stiamo lavorando, già da diversi mesi, già prima dell'approvazione definitiva in Parlamento, a un'attuazione veloce della riforma. Stiamo lavorando e vogliamo fare bene. Ci siamo impegnati a fare presto e bene cioè a considerare la legge delega come uno strumento importante nelle mani di un governo per attuare una riforma che, tra l'altro, dobbiamo realizzare velocemente perché anche nel Def a questa riforma e alla sua attuazione sono legati degli obiettivi di crescita importanti del nostro Paese. Vogliamo fare questi decreti bene, lavoriamo sodo e velocemente, ma non è detto che arriveranno tutti insieme» ha concluso Madia.

Nel ddl stabilità sono previste le risorse per i contratti della PA
Il ministro della Pubblica amministrazione, Maria Anna Madia, ha detto che nella legge di stabilità ci saranno risorse per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego e lo ha confermato a margine del suo intervento alla festa nazionale dell'Unità. «Certamente. Ci sarà una discussione collegiale e stabiliremo quante risorse saranno disponibili per il rinnovo dei contratti. Poi apriremo una nuova stagione contrattuale» ha detto Madia. Quanto alla possibilità che i rinnovi riguardino tutti i dipendenti pubblici, compresi quelli della scuola, ha ribadito: «Assolutamente sì, però, per onestà, aspettiamo la discussione della legge di stabilità perché partendo dalle varie priorità che ci saranno dalle risorse disponibili possiamo aprire una stagione contrattuale che abbia delle fondamenta concrete».