27 novembre 2020
Aggiornato 01:00
Gli edifici sono responsabili del 40% di emissioni globali di CO2

L'eco architettura made in Palermo in mostra al Mit di Boston

Il vetromattone sviluppato da Sbskin, innovativo, sostenibile ed efficiente sarà presentata all'EmTech. Si tratta di mattoni fotovoltaici per esterni, che isolano e producono energia

ROMA – L'architettura made in Italy innovativa, sostenibile ed efficiente del vetromattone sviluppato da Sbskin, spin-off dell’Università di Palermo, sarà presentata all'EmTech del Mit di Boston. Durante la conferenza annuale sulle nuove tecnologie ingegneristiche, promossa dall'Istituto di tecnologie del Massachussetts, Marco Morini potrà far conoscere al mondo il «mattone fotovoltaico», che ha ricevuto il primo premio allo Smart City Innovation Award, organizzato da Bnl/Bnp Paribas.

IL VETROMATTONE ISOLANTE E FOTOVOLTAICO - Da più di un anno la Sbskin sta commercializzando una serie di configurazioni innovative del vetromattone, di elevata qualità estetica e tecnologica, finalizzati alla riduzione dei consumi energetici degli edifici. Per ora i ricercatori palermitani hanno sviluppato 4 tipi diversi di vetromattone che si possono applicare sulle facciate o sui tetti degli edifici per produrre energia, isolare le costruzioni e renderle più belle. Il primo modello prevede una cintura termica in materiale plastico dagli elevati valori di isolamento termico. In secondo luogo è stato creato il vetromattone fotovoltaico, integrato con celle solari di terza generazione (DSC), per installazioni esterne, mentre il terzo materiale abbina le proprietà dei due precedenti: un vetromattone fotovoltaico e altamente isolante, dotato di cintura termica in materiale plastico e integrato con celle solari di terza generazione. Infine Sbskin ha sviluppato e brevettato un sistema di assemblaggio dei vetromattoni, interamente a secco, per la realizzazione di pannelli prefabbricati per facciate e coperture di edifici che possono essere composti dai vetromattoni standard già esistenti sul mercato oppure da quelli di Sbskin. Grazie a questo accorgimento si riducono significativamente tempi e costi di installazione, garantendo al contempo ottime prestazioni di resistenza meccanica e un’elevata qualità estetica, è scritto sul loro sito. Tutti i pannelli di Sbskin sono disponibili in diversi colori, trasparenze e design per realizzare edifici colorati e personalizzati.

40% EMISSIONI VIENE DA EDIFICI - Sbskin è nata nel 2009 partendo da una riflessione: gli edifici sono responsabili del 40 per cento delle emissioni globali di CO2, ma esistono modi per renderli più efficienti dal punto di vista energetico e fare anche in modo che essi stessi producano energia. Per questo hanno deciso di realizzare prodotti per l'edilizia che contribuiscano in maniera attiva al contenimento dei consumi di energia da fonte non rinnovabile negli edifici ed alla riduzione delle emissioni di gas serra nell’atmosfera.