1 febbraio 2023
Aggiornato 10:01
Stati Uniti | Politica monetaria

Yellen sceglie la via della cautela

L'economia americana sta migliorando ma «in questo contesto non c'è una ricetta semplice sulla politica monetaria appropriata». Lo ha detto il presidente della Federal Reserve, Janet Yellen, parlando all'annuale simposio economico di Jackson Hole, in Wyoming, con un discorso per lo più accademico: «Aumento tassi prima del previsto».

JACKSON HOLE - L'economia americana sta migliorando ma «in questo contesto non c'è una ricetta semplice sulla politica monetaria appropriata», che in ultima analisi «deve essere portata avanti in modo pragmatico». Lo ha detto il presidente della Federal Reserve, Janet Yellen, parlando all'annuale simposio economico di Jackson Hole, in Wyoming, con un discorso per lo più accademico.
Yellen ha fatto notare che la politica monetaria «non si deve affidare uno specifico indicatore (per esempio i dati sull'occupazione) o modello, ma deve piuttosto riflettere le valutazioni in corso su un'ampia gamma di informazioni inserite nel contesto della comprensione di un'economia in evoluzione».

FINE ACQUISTO BOND A OTTOBRE - E' invece possibile confermare che «il programma di acquisto di bond e titoli (attualmente pari a 25 miliardi di dollari al mese) sarà completato a ottobre».
«L'economia americana ha fatto considerevoli progressi nel riprendersi dalla più sostenuta perdita di occupazione dalla Grande Depressione. Questi sviluppi sono incoraggianti», ma cinque anni dopo la fine della recessione «il mercato del lavoro deve ancora riprendersi completamente», ha detto il numero uno della FED.

AUMENTO TASSI PRIMA DEL PREVISTO - L'economia americana si sta avvicinando agli obiettivi di piena occupazione e stabilità dell'inflazione fissati dalla Federal Reserve, motivo per cui il dibattito all'interno della Banca centrale americana si sta «naturalmente spostando» sulla tempistica di un aumento dei tassi di interesse, che potrebbe arrivare «prima del previsto» se i progressi del mercato del lavoro saranno più rapidi del previsto. Lo ha detto il presidente della Federal Reserve Janet Yellen, parlando all'annuale simposio economico di Jackson Hole, in Wyoming.
Il numero uno della Fed ha spiegato che «non c'è una ricetta semplice da seguire» e ha spiegato che «un'economia deludente» potrebbe rendere la Fed più accomodante di quanto attualmente preveda.
Inoltre, man mano che la Banca centrale americana si avvicina al raggiungimento degli obiettivi fissati, l'enfasi dovrebbe essere messa sulla quantità di rallentamenti ancora presenti.

SUPERINDICE ECONOMIA - La congiuntura americana è migliorata a luglio per il sesto mese consecutivo, proseguendo sulla via dei rialzi dopo un inverno difficile. Il superindice dell'economia, redatto dal gruppo di ricerca privato Conference Board, è aumentato dello 0,9% a luglio a 103,3 punti, più dello 0,3% atteso dagli analisti. A giugno il dato era cresciuto dello 0,6%.
«Il dato è migliorato con decisione e suggerisce che l'economia sta riguadagnando trazione. La crescita dovrebbe continuare a un passo sostenuto nella parte restante dell'anno», ha detto Ataman Ozyildirim, economista del Conference Board. Scomponendo il dato, la componente che riguarda la situazione corrente è cresciuta dello 0,2%, quella sulle aspettative future è aumentata dello 0,2%.