19 agosto 2019
Aggiornato 20:30
L'inchiesta della Procura di Milano

FonSai, interrogatorio fiume di Nagel

Iniziato intorno alle 16, è in corso ormai da quasi sei ore l'interrogatorio dell'amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel, da parte del pm Luigi Orsi presso la caserma del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano. Aumento di capitale, sottoscritto il 68,3% delle azioni

MILANO - Iniziato intorno alle 16, è in corso ormai da quasi sei ore l'interrogatorio dell'amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel, da parte del pm Luigi Orsi presso la caserma del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano.
Nagel - che secondo indiscrezioni delle scorse ore sarebbe indagato da alcuni giorni per ostacolo all'attività di vigilanza - è stato invitato a comparire in merito al presunto accordo segreto raggiunto con Salvatore Ligresti. Accordo i cui termini sarebbero indicati in un documento sequestrato presso lo studio di Cristina Rossello, legale di Salvatore Ligresti, che avrebbe previsto tra l'altro il riconoscimento alla famiglia Ligresti di una 'buonuscita' da 45 milioni di euro più alcuni benefit in cambio del via libera alle nozze tra il gruppo Premafin-FonSai e il gruppo Unipol.
La Consob ha imposto la scorsa settimana alle società interessate di dichiarare la propria posizione sul presunto accordo. Premafin, Mediobanca e Unipol attraverso dei comunicati stampa hanno negato di essere a conoscenza di accordi occulti.

Aumento di capitale, sottoscritto il 68,3% delle azioni - Sottoscritto il 68,3% delle azioni ordinarie nell'aumento di capitale da 1,1 miliardi di Fonsai per la fusione con Unipol. Lo comunica la compagnia assicurativa al termine del periodo di offerta. Tra il 16 luglio e il 1 agosto, infatti, sono stati esercitati diritti di opzione per il 68,273% delle azioni ordinarie e per il 22,193% delle azioni di risparmio B, per un controvalore complessivo di 666,342 milioni.
I diritti di opzione non esercitati - aggiunge la società - saranno offerti in Borsa da Fonsai «nelle date che saranno successivamente comunicate con un apposito avviso».

Sator-Palladio revocano offerta di investimento - Sator e Palladio hanno revocato l'offerta per Fonsai. Lo comunicano le due società finanziarie, affermando di aver inviato al consiglio di amministrazione della compagnia assicurativa una lettera per «la revoca dell'offerta per un progetto di investimento nel capitale di Fonsai, in quanto incompatibile con il perfezionamento dell'aumento di capitale».
Sempre oggi Sator, Palladio e Arepo «hanno definito lo scioglimento del patto parasociale su azioni Fonsai»em>, con efficacia immediata.