15 ottobre 2019
Aggiornato 13:00
La crisi del debito USA

La Camera americana approva l'accordo, oggi vota il Senato

E in aula, dopo Tucson, torna la deputata Gabrielle Giffords

NEW YORK - Via libera della Camera all'intesa bipartisan sull'innalzamento del tetto del debito pubblico Usa. Ieri sera la proposta di legge è passata con 269 si e 161 no, ben oltre la maggioranza di 216. La legge va ora al Senato che voterà oggi per un'approvazione scontata, visto l'appoggio di cui gode da parte dei capigruppo di entrambi i partiti. Entro la serata sarà sul tavolo del presidente Obama per la firma, in tempo quindi per evitare il default sul debito che, secondo il Tesoro, sarebbe stato possibile a partire proprio dal 2 agosto.
La proposta di legge, 74 pagine uscite dall'intesa di domenica, da' al presidente l'autorità di alzare il debito pubblico di 2.100 miliardi di dollari da 14.300 attuali, in cambio di tagli e tetti di spesa per quasi 2.500 miliardi in due tranche.

IL RITORNO DELLA GIFFORDS - Da notare che per la votazione di ieri sera è ricomparsa alla Camera dopo sette mesi di assenza la deputata dell'Arizona Gabrielle Giffords, colpita alla testa durante la strage di Tucson nel gennaio scorso e sopravvissuta incredibilmente alle gravissime ferite riportate. Il ritorno della deputata democratica (per la cronaca, ha votato si') è stato salutato dall'applauso dei colleghi e dalla capogruppo democratica Nancy Pelosi: «Chiamarla collega è un privilegio».

GIALLO BIDEN - Prima della votazione un piccolo giallo ha agitato la Washington politica: secondo alcune fonti, il vicepresidente Joe Biden avrebbe dato dei «terroristi» ai deputati del Tea Party, accusandoli di aver preso in ostaggio il parlamento con il no assoluto a qualunque accordo che prevedesse un aumento della pressione fiscale. Durante un incontro tra Biden e i deputati democratici ieri, il deputato Mike Doyle della Pennsylvania ha detto «abbiamo negoziato con dei terroristi, un piccolo gruppo di terroristi che ha reso impossibile qualunque spesa», secondo quanto hanno detto al giornale online Politico fonti presenti all'incontro. «Si sono comportati da terroristi», ha risposto a quel punto Biden sempre secondo le stesse fonti. Ma quando la notizia è uscita un portavoce di Biden ha negato che il vicepresidente avesse mai pronunciato quella frase.