7 giugno 2020
Aggiornato 02:00
Crisi economica

In calo le richieste di cassa integrazione

Rispetto a marzo quella straordinaria è diminuita del 5,7%, quella ordinaria del -22,5%

ROMA - Frenata congiunturale per le richieste di cassa integrazione nel mese di aprile. Rispetto a marzo si è registrato un calo del 5,7% passando dai 122,6 milioni di ore autorizzate a marzo a 115,6 milioni di aprile.

Lo riferisce l'Inps, aggiungendo che rispetto al mese di aprile del 2009 le ore autorizzate di Cig sono complessivamente aumentate del 52,9% (erano state 75,6 milioni), in gran parte attribuibili alla cassa integrazione in deroga, che come tutti gli ammortizzatori in deroga fu varata proprio nell'aprile 2009. Più significativa la diminuzione per le autorizzazioni di cassa integrazione ordinaria (Cigo): -22,5% rispetto a marzo. E ancora di più nel comparto industria la flessione congiunturale della Cigo è stata del -27,3% (solo nell'edilizia si è registrato un lieve incremento: +2,3%).

LOY (UIL) - In riferimento ai dati della cassa integrazione del mese di aprile, la UIL ritiene che occorre velocemente mettere in campo interventi concreti e condivisi, quali quelli definiti nelle «Linee Guida per la formazione 2010» e, nel contempo, non è più rinviabile l’aumento dell’assegno mensile di cassa integrazione, che si potrebbe agganciare, quanto meno, alle dinamiche degli aumenti contrattuali a fronte, anche, di una partecipazione dei lavoratori a processi formativi efficaci.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal