20 settembre 2019
Aggiornato 07:00
Economia. Workshop Ambrosetti

Tremonti: «Grandi banche non adatte a economia italiana»

«Modello McKinsey incompatibile con sistema produttivo di PMI»

CERNOBBIO - Per l'economia italiana non è positivo avere delle grandi banche forgiate sul «modello McKinsey», perché il sistema produttivo è formato nella stragrande maggioranza da piccole e medie imprese.

Lo ha affermato il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, secondo cui «il problema è che abbiamo un sistema produttivo fatto per il 90-95% da PMI e un sistema bancario concentrato in una logica industriale per una quota enorme del mercato. Nulla contro la grande dimensione, ma non puoi avere una struttura produttiva piccola e una banca che ragiona da grande industria bancaria, perché non corrisponde al bisogno di questo Paese, e la crisi lo ha messo in evidenza».

Banche del territorio - «Che bisogno hanno le nostre imprese? - ha detto Tremonti in una conferenza stampa al workshop Ambrosetti - Le banche del territorio. Il modello McKinsey (la società di consulenza aziendale in cui sono cresciuti alcuni dei principali top manager bancari, tra cui Corrado Passera di Intesa Sanpaolo e Alessandro Profumo di Unicredit, ndr) non è adatto all'economia italiana».

«In Germania - ha concluso il ministro - hanno le grandi banche industriali, ma hanno anche 10-15 grandi industrie. Ma da noi è diverso, e non puoi avere le banche con quella configurazione e un'economia con una configurazione diversa».