10 dicembre 2019
Aggiornato 00:30

Alitalia, Martella: «Scandalo nazionale, governo difende l'indifendibile»

«Sulla vicenda Alitalia maggioranza e governo seguono la vecchia regola per cui le menzogne vanno declamate a voce più alta possibile così farle diventare dei veri e propri sostituti della realtà. La verità è che siamo di fronte ad un vero e proprio scandalo nazionale, con un esecutivo – premier in testa – che difende l’indifendibile». Lo dichiara il ministro delle Infrastrutture del governo ombra, Andrea Martella.

«La smettano di prendere in giro il Paese - l’ultima il balletto tra i sostenitori di questo o di quell’altro partner straniero - e ammettano finalmente come stanno le cose. I numeri parlano da soli, basta leggere con attenzione i giornali di oggi: Alitalia viene svenduta ad Air France, che ne diventerà nel futuro l’unica proprietaria».

«Altro che italianità, Air France si ritrova senza concorrenti sul mercato interno, con i contratti di lavoro già rinegoziati e con un solo Hub, alla faccia delle tante promesse su Malpensa. Insomma, il governo ha fatto il lavoro sporco a beneficio di una compagnia straniera, facendo pagare un prezzo salatissimo ai cittadini, agli utenti e ai lavoratori».