12 dicembre 2019
Aggiornato 21:30
Il crac della Lehman Brothers continua a scuotere la finanza mondiale

Crisi dei mercati, borse ancora giù

Mibtel a -2,52%. Dopo la Lehman Brothers trema anche il colosso assicurativo Aig. Draghi: «L'attuale crisi è una delle più dure dei nostri tempi»

Il crac della Lehman Brothers continua a scuotere la finanza mondiale. Dopo il lunedì nero di ieri anche oggi le borse hanno chiuso tutte con il segno negativo: più pesanti i listini asiatici, con Tokyo che affonda a -4,9%. Negative anche le piazze europee: chiude in forte perdita Milano, con il Mibtel a -2,52%, ma la peggiore è Londra che fa segnare un - 3,43%.

Recupera terreno invece Wall Street che in queste ore viaggia con il segno leggermente positivo in attesa della decisione della Fed che dovrebbe tagliare il costo del denaro. La Federal Reserve oggi ha anche annunciato l'iniezione straordinaria di 50 miliardi di dollari di riserve temporanee verso il sistema bancario. Ma a fare tremare i mercati è la certezza che la crisi innescata dai mutui subprime non sia finita qui: vacilla infatti un altro colosso dell'economia statunitense, l'American international group, la maggiore società di assicurazioni al mondo.

«La crisi finanziaria che stiamo affrontando è una delle più dure e complesse dei nostri tempi» ha dichiarato oggi il governatore di Bankitalia Draghi constatando che gli effetti possono essere «repentini e drammatici» . Per il governatore occorre una riposta coordinata a livello internazionale con più cooperazione e maggiore trasparenza.