16 ottobre 2021
Aggiornato 05:30
E' insoddisfacente il primo bilancio dei saldi estivi

Saldi estivi, Confcommercio: «vendite giù in sei negozi su dieci»

La crisi dei consumi si fa sentire anche nelle svendite di fine stagione, insoddisfatto quasi il sessanta per cento dei negozianti

E' insoddisfacente il primo bilancio dei saldi estivi. E' quanto emerge da un'indagine della Confcommercio secondo cui il 57,8 per cento dei negozianti ha registrato una flessione nelle vendite rispetto all'anno scorso. Solo il dieci per cento si dichiara soddisfatto. Dati che riflettono la crisi dei consumi. Eppure dall'indagine risulta che quasi il 60 per cento dei consumatori ha già fatto acquisti.

Il budget per i saldi però non è altissimo: metà dei consumatori non supererà i 200 euro di spesa. A comprare sono soprattutto single sui 45 anni, residenti nei piccoli centri del nord est e del Mezzogiorno. I prodotti più venduti sono i capi di abbigliamento e le calzature, seguiti da biancheria per la casa, articoli sportivi, accessori, biancheria intima, pelletteria e articoli di valigeria.