15 novembre 2019
Aggiornato 22:30
Rapporto Svimez 2008

Rapporto 2008 sull'economia del Mezzogiorno

Legambiente: “L’effetto è il non sviluppo, la causa è l’illegalità”

«L’effetto è il non sviluppo, la causa è l’illegalità». Così Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente ha commentato il rapporto «Rapporto 2008 sull'economia del Mezzogiorno», presentato oggi da Svimez.

«E’ l’illegalità la vera piaga che impedisce la crescita del Mezzogiorno – ha aggiunto Muroni – . Basta pensare che solo in ambito ambientale, secondo il rapporto Ecomafia 2008, è nell’Italia Meridionale che si registrano il 41,1% degli illeciti nazionali, un dato addirittura aumentato rispetto al 38,1% del 2006 e nella classifica nazionale degli ecoreati anche quest’anno primeggiano le regioni Campania, Calabria e Puglia.

La gravità dell’illegalità ambientale nel mezzogiorno è specchio di una situazione ormai diffusa in numerosi ambiti nel Sud Italia, a cui poco servono i contribuiti europei per l’attuazione di politiche di coesione. Queste risorse, infatti, non saranno mai un reale sostegno, finché continueranno a finire nella spesa pubblica improduttiva, utilizzate quindi non per creare sviluppo, ma in modo assistenzialistico. Per risollevare il mezzogiorno – conclude Muroni – è dunque necessario in primo luogo agire duramente nella lotta all’illegalità, contrapponendo al sistema criminale, estremamente radicato nel territorio, un sistema legale ed eco-sostenibile».