31 maggio 2020
Aggiornato 10:00
Coronavirus

Come sono cambiati gli hobbies degli Italiani durante la quarantena?

La chiusura dei servizi pubblici, luoghi di lavoro, scuole e università dovuta al Coronavirus ha modificato i nostri comportamenti quotidiani

Hobbies italiani durante quarantena da Coronavirus
Hobbies italiani durante quarantena da Coronavirus Ufficio Stampa

Il Virus di Wuhan ha costretto la maggior parte degli Italiani restare a casa. La chiusura dei servizi pubblici, luoghi di lavoro, scuole e università ha modificato i nostri comportamenti quotidiani. Il team di analisi di Picodi.com ha controllato le statistiche delle ricerche su Google e ha creato una classifica delle attività che in questo periodo stanno avendo maggiore popolarità.

Chiusi in casa contro la propria volontà

Abbiamo preso in considerazione gli hobby e le attività più popolari, come il cinema, i libri, i giochi e tanti altri. Abbiamo verificato la frequenza delle domande relative a queste attività su Google nel marzo 2020 e selezionato marzo dell’anno scorso come riferimento.

Come sono cambiati gli hobbies degli italiani durante la quarantena
Come sono cambiati gli hobbies degli italiani durante la quarantena (Picodi)

Dopo aver elaborato le statistiche abbiamo scoperto che, tutte le attività che comportano l’uscita di casa hanno perso la loro popolarità: il cinema ha subito un calo dell’83%, i concerti il 77%, il teatro il 73% e il ballo il 42%. L’apprendimento delle lingue straniere è attualmente meno popolare (calo del 5%). Molto probabilmente, in un mondo di frontiere chiuse questa non è l’abilità più desiderabile.

L’aumento di interesse maggiore è stato riscontrato per la palestra in casa (il 456% rispetto all’anno precedente). Probabilmente il fatto che tutte le palestre sono chiuse e l’estate si avvicina ha ispirato molte persone a allenarsi in casa.

Al secondo posto invece è aumentato l’interesse per i giochi online (aumento del 245%) al terzo posto si posizionano i corsi online come Udemy (aumento del 233%). È possibile che la situazione incerta sul mercato del lavoro abbia costretto gli utenti di Internet ad apprendere ulteriori qualifiche.

Un aumento relativamente basso è stato registrato in cucina (34%), uncinetto (21%) e lettura (20% ciascuno).

Metodologia

Lo studio consisteva nel confrontare la variazione della popolarità delle singole parole chiave nel marzo 2020 rispetto a marzo dell’anno scorso sulla base dei dati di archiviazione dei motori di ricerca di Google (tramite lo strumento Google Trends).

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal