7 dicembre 2019
Aggiornato 13:30

«Game Therapy»: gli YouTubers sul red carpet della Festa del Cinema

Spopolano sul web ed ora hanno conquistato anche il grande schermo. Ecco «Game Therapy» il film con le star di YouTube Favij, Federico Clapis, Leonardo De Carli e Zoda

ROMA - Da Youtube al grande schermo. Per rendere omaggio agli amanti dei videogiochi, arriva oggi al cinema Game Therapy, film distribuito da Lucky Red e diretto da Ryan Travis. I protagonisti del film sono stati accolti da un boato sul red carpet della Festa del Cinema. Gli YouTubers, ragazzi che hanno costruito la propria popolarità giorno dopo giorno, postando video su YouTube e cavalcando la passione per i videogiochi, hanno milioni di fan e stuoli di ragazzine pronte a tutto pur di avere un loro autografo o poterli vedere dal vivo. Favij, Federico Clapis, Leonardo De Carli e Zoda sono diventati anche attori sul grande schermo.

La storia tra realtà e videogame
La pellicola racconta la storia di Lorenzo (Favij), un ragazzo intelligente e ironico ma capace di esprimersi al meglio solo nei videogame. La sua fissazione per la realtà virtuale preoccupa molto i genitori, che periodicamente lo trascinano da uno psicologo nella speranza che lo riporti al mondo reale. Ma dopo anni di lavoro Lorenzo sembra essere finalmente riuscito a entrare nei videogiochi che tanto ama, dove le regole della fisica non contano e lui può vivere la Game Life. Giovanni (Federico Clapis) è invece un liceale fuori corso, terrorizzato dall’idea di crescere. I due cercheranno insieme una soluzione ai loro problemi nel mondo dei videogame, scoprendo però di avere obiettivi molto diversi.

Il fenomeno yutubers tra reale e virtuale
Meglio la vita reale o quella virtuale? È questo il tema sviluppato dal film che uscirà oggi nelle sale. «I videogiochi sono stati centrali nella mia vita - ammette Favij - ma non bisogna abusarne. È sempre meglio passare una giornata all’aria aperta. Lo stesso discorso vale per i social network. In Italia ne facciamo un uso smodato. Anche su questo fronte è bene non fare abusi». 
«Questo film è un grande traguardo per tutto il cinema italiano - aggiunge Federico Clapis - È una rivoluzione, un nuovo inizio. Per avere successo sul web non esiste una metodologia precisa. Ognuno trova la strada del proprio successo. L’importante è mantenersi indipendenti. Il film costituisce un passo avanti per togliere dalla ghettizzazione le star del web italiane. Situazione che all’estero non esiste». Oggi esce in tutte le sale Game Therapy e se volete scoprire se la realtà virtuale abbia vinto o meno ad armi pari su quella reale, dovete affrettarvi ad andare al cinema e fare il biglietto.