20 febbraio 2020
Aggiornato 13:00
MotoGP

Beltramo intervista Agostini: «Valentino Rossi correrà fino a 41 anni? È tanto...»

Il campione più vincente di sempre dà le pagelle ai suoi successori che corrono oggi in MotoGP, e si esprime sulla notizia del rinnovo del Dottore con Yamaha

SANT'AGATA BOLOGNESE – Basta il nome: Giacomo Agostini non ha bisogno di presentazioni, essendo il pilota più vincente di tutti i tempi nel motociclismo. «Quando ti danno la pagella contano i numeri: quindici campionati del mondo, diciotto campionati italiani, 123 Gran Premi, 311 vittorie, dieci Tourist Trophy...», elenca lui i suoi successi.

I voti di Agostini
Dall'alto di questi numeri, dunque, stavolta può essere lui a dare le pagelle ai suoi successori che corrono oggi in MotoGP: «Si prospetta una stagione molto interessante – prevede Mino – Ho visto delle prove invernali in cui sono stati tutti lì ed estremamente veloci. Andrea Dovizioso mi sembra molto contento, che la Ducati vada molto bene. Marc Marquez è sempre l'uomo da battere perché è il campione del mondo. La Yamaha sta un po' soffrendo all'inizio, ma speriamo che arrivi: di solito parte bene e gli altri la raggiungono piano piano, stavolta è il contrario ma può darsi che poi recuperi. Speriamo. Qualche problema ce l'hanno, sono cose particolari e difficili da spiegare, ma stanno lavorando e può darsi che trovino la messa a punto». Anche un grande come lui, comunque, ritiene sorprendente la scelta di Valentino Rossi di rinnovare con la Yamaha per altri due anni: «Bisogna rispettare le decisioni e il volere delle persone. Lui ha piacere di correre, ha tanta voglia indubbiamente: andare avanti in MotoGP fino a 41 anni è tanto, ma ognuno fa quello che si sente e che crede. Io provai con le macchine a fine carriera, per dimenticare il grande amore e non soffrire il distacco dalle moto, ma era per avere un diversivo».