20 novembre 2019
Aggiornato 15:30
Wrc | Rally di Polonia

Tanak, il rallysta del momento: dopo la prima vittoria affronta il tabù polacco

Tre settimane fa in Sardegna si è finalmente scrollato dalle spalle la pressione di quello sfuggente primo gradino del podio. Ora, risalito al terzo posto del Mondiale, il pilota estone della Ford si presenta al via di una tappa in cui è sempre andato forte, ma ha anche incontrato tanti problemi

MIKOLAJKI – A inizio mese, in Italia, ha rotto il ghiaccio conquistando la sua prima vittoria nel Mondiale Rally. Ora, questo weekend in Polonia, Ott Tanak ha di fronte a sé un altro compito impegnativo da portare a termine: rompere la maledizione che lo perseguita in questa gara. Nelle ultime due edizioni si è sempre affacciato in testa, e un anno fa stava addirittura per vincere, quando una foratura nella penultima prova speciale lo costrinse a cedere il successo su un piatto d'argento ad Andreas Mikkelsen. In lacrime, al traguardo Tanak venne consolato dai suoi rivali. Ma ora che si è scrollato di dosso la pressione di salire sul gradino più alto del podio, grazie al trionfo di tre settimane fa in Sardegna, il pilota estone si presenterà sicuramente più rilassato al via sulle velocissime strade sabbiose polacche. «Tutti sanno che questa è una delle mie tappe preferite – afferma il portacolori della Ford – Le Speciali sono veloci e fluenti e questo mi diverte molto. Sono cresciuto su strade del genere in Estonia e quest'anno, con le nuove macchine, l'adrenalina scorrerà ancora più potentemente. Questo è un rally da piloti veri, con velocità incredibili e che richiede grande fiducia. Le note devono essere perfette perché la minima esitazione può costare cara ed è difficile da recuperare».

Il titolo è possibile
Grazie alla sua ultima vittoria, Tanak è salito al terzo posto in campionato, accorciando le distanze dal suo compagno di marca Sebastien Ogier. Alla conclusione della stagione mancano ancora sei corse, ma le prossime due, in Polonia e il mese prossimo in Finlandia, gli offriranno chance importanti: «Sono sicuro che molti ci terranno sott'occhio perché in passato qui ci siamo comportati bene, ma vedremo come andrà. La terza posizione di partenza non è ideale, ma sono reduce da un buon test in Estonia e mi sento piuttosto ottimista». Il quartier generale del rally è fissato a Mikolajki, nella regione dei laghi, la Masuria: il via è fissato giovedì notte, dopodiché i piloti affronteranno 23 prove speciali per una lunghezza di 320,56 km fino al traguardo di domenica pomeriggio.