12 novembre 2019
Aggiornato 02:30

Gp Belgio: Leclerc trionfa per la prima volta e dedica la vittoria a Hubert

Il ferrarista resiste a Hamilton, terzo Bottas, quarto Vettel. Il Cavallino torna al successo dopo un anno. Hamilton: «Complimenti a Charles se l'è meritata»

Charles Leclerc
Charles Leclerc ANSA

SPA - Fantastico Charles Leclerc che conquista la prima vittoria in carriera conquistando il GP del Belgio sulla pista di Spa Francorchamps. Un week end dominato dal monegasco che diventa a 21 anni il più giovane vincitore della storia del Gran Premio del Belgio. Pole position e poi una gara che ha avuto sempre in pugno anche quando, per gioco di squadra, il compagno di squadra, Sebastian Vettel, lo ha lasciato andare al giro numero 27. Vettel ha chiuso al quarto posto dietro le due Mercedes di Hamilton e Bottas.

Leclerc diventa il più giovane vincitore su una Ferrari

Mozzafiato il duello finale con Hamilton con la Ferrari che stava andando in difficoltà ed il britannico che ha guadagnato secondi su secondi. Leclerc ha poi dedicato la vittoria allo scomparso Antoine Hubert scomparso ieri a seguito dello spaventoso incidente occorso in Formula 2. Peccato per Antonio Giovinazzi, fantastico protagonista con l'Alfa Romeo fino al termine quando è andato a sbattere contro le protezioni. Con i suoi 21 anni 10 mesi 16 giorni Leclerc diventa il più giovane vincitore su una Ferrari. A Spa strappa il record a Schumacher: 23 anni 7 mesi 27 giorni, 1992. Entrambi hanno ottenuto la prima vittoria in carriera a Spa.

«Ho coronato il sogno di bambino»

Charles Leclerc ha vissuto un vero e proprio mix di emozioni nel corso del Gran Premio del Belgio 2019 di Formula Uno. Prima vittoria della sua carriera proprio ad un giorno di distanza dalla tragica morte del suo amico Antoine Hubert nel corso di Gara-1 in Formula 2."Da una parte posso dire di avere coronato un sogno che avevo sin da quando ero un bambino - ammette Leclerc nelle interviste di fine gara - Sono stato in grado di realizzarlo oggi, in un fine settimana quanto mai complicato nel quale ho perso un amico con il quale sono cresciuto. Eravamo io, Antoine, Esteban Ocon e Pierre Gasly a correre insieme nelle categorie minori. Ovviamente decido a lui questo successo che, gioco forza, non posso godermi a pieno. Porterò il suo ricordo sempre con me».

«Abbiamo faticato a livello di gomme»

Una prima vittoria giunta al termine di 44 giri davvero intensi ma senza la minima sbavatura per Leclerc. «La gara è stata davvero difficile. Abbiamo faticato a livello di gomme specialmente verso la fine. Sono contento per quello che ho fatto e per essere stato in grado di rispondere alle Mercedes che, come sapevamo, in gara sarebbero state veloci. Chiudo un weekend con pole position e vittoria, sono contento».

Vettel: «Il mio compito? Bloccare le Mercedes»

«Il mio compito in pista? Ho provato a bloccare le Mercedes il più possibile. Non avevo passo, non mi sentivo a mio agio e dunque ho lavorato per la squadra». Così Sebastian Vettel al termine del Gran Premio del Belgio. «Il pit-stop anticipato? Ho provato a stare davanti a Hamilton, forse mi son fermato un po' troppo presto perchè poi l'usura della gomma alla fine era troppo alta - ha analizzato Vettel ai microfoni di Sky - Non è stata una buona giornata per me, ma è stata una buona giornata per il team. Bisogna sempre pensare individualmente ma oggi ho giocato di squadra. Dopo i primi giri ho capito che non sarei riuscito a gestire le gomme agevolmente». Infine sul Gran Premio d'Italia, prossima tappa nel calendario: «A Monza dovrebbe andar bene. Sarà un weekend importante dove dovremmo avere un buon passo. Vedremo cosa riusciremo a fare».

Hamilton: «Complimenti a Charles se l'è meritata»

Secondo posto importante per il campionato per Lewis Hamiton. Il britannico della Mercedes ha rafforzato la sua leadership in classifica generale guadagnando terreno sia sul compagno di squadra Valtteri Bottas, terzo, sia sull'olandese della Red Bull Max Verstappen, ritirato al primo giro. «Ho dato tutto quello che avevo, quest'oggi c'era un pubblico fantastico - ha detto a fine gara - È stata una gara davvero difficile perché le Ferrari erano troppo veloci sul rettilineo ed era molto difficile prenderle, anche se forse con un paio di giri in più avrei potuto provare a passare Leclerc. Comunque congratulazioni a Charles, ci hai provato per tutta la stagione e alla fine ce l'hai fatta, te la meriti tutta».