18 ottobre 2019
Aggiornato 23:30

Sky o Dazn? Ecco dove seguire la Juventus fino alla sosta

Bianconeri alla ricerca dello scatto decisivo per mettersi in tasca l’ottavo scudetto consecutivo: la strada verso il tricolore appare tracciata

Una formazione della Juventus 2018-2019 che si appresta a conquistare l'ottavo scudetto consecutivo
Una formazione della Juventus 2018-2019 che si appresta a conquistare l'ottavo scudetto consecutivo ANSA

TORINO - Strano ma fino ad un certo punto: più o meno alla fine di febbraio la Juventus può quasi iniziare a fare il conto alla rovescia per la conquista del suo ottavo scudetto di fila, record assoluto per la serie A. Il vantaggio sugli inseguitori (o presunti tali) è infatti talmente ampio che gli uomini di Allegri possono gestire con calma, tranquillità e sicurezza l’enorme divario fra loro e il resto del campionato, col Napoli 13 punti indietro e la netta sensazione di essere di fronte ad un torneo deciso in pratica già prima dell’avvio; forte ed esperta, la Juve straccia record su record e da qui alla prossima sosta del campionato, prevista per il 24 marzo, può chiudere i conti e concentrarsi solamente sull’Europa, l’obiettivo più grande e maggiormente inseguito dai famelici bianconeri nonostante il ko di Madrid.

Date, orari e tv

Il primo impegno della Juventus sarà domenica 24 febbraio quando alle ore 15 giocherà in casa del Bologna di Sinisa Mihajlovic, diretta tv su Sky Sport. Altri sette giorni e, sempre in esclusiva Sky, i campioni d’Italia saranno ospiti del Napoli in quello che per molti (ma ormai per pochi) è il vero scontro al vertice del campionato, in programma nel posticipo domenicale del 3 marzo. Antipasto del ritorno decisivo degli ottavi di finale di Coppa dei Campioni contro l’Atletico Madrid sarà invece l’anticipo di venerdì 8 marzo quando alle ore 20:30 la Juventus ospiterà la pericolante Udinese; infine, l’unico appuntamento dei bianconeri sulla piattaforma Dazn, domenica 17 marzo alle ore 12:30 quando la compagine di Massimiliano Allegri farà visita al Genoa dell’ex Prandelli, prima di una sosta che potrebbe consegnare al campionato una Juve già quasi campione.