15 dicembre 2018
Aggiornato 09:30

#AustralianGP: podio Diggia, allungo Martin

Gara incredibile a Phillip Island per il terz’ultimo appuntamento del Campionato del Mondo Moto3 con Fabio Di Giannantonio e Jorge Martin che tornano protagonisti in positivo dopo il doppio 0 di Motegi
#AustralianGP: podio Diggia, allungo Martin
#AustralianGP: podio Diggia, allungo Martin (Gresini Racing)

PHILLIP ISLAND - Gara incredibile a Phillip Island per il terz’ultimo appuntamento del Campionato del Mondo Moto3 con Fabio Di Giannantonio e Jorge Martin che tornano protagonisti in positivo dopo il doppio 0 di Motegi. 
Di Giannantonio trova un inaspettato podio nonostante una qualifica da dimenticare e, con 20 punti sul traguardo di Phillip Island, non solo cancella la delusione giapponese, ma rilancia anche le proprie chance di titolo mondiale: ora l’italiano è a 20 lunghezze dal compagno di squadra con due gare ancora da corrersi.

Se Di Giannantonio non aveva nulla da perdere, per Jorge Martin poteva essere tutto il contrario. L’uscita di scena di Bezzecchi a metà gara forzano (ancora di più) lo spagnolo a raccogliere più punti possibili. Non senza un paio di momenti di altissima tensione (tocco con Vietti su tutti), il numero 88 chiude quinto a 99 millesimi di secondo dalla vetta e conquista 11 punti fondamentali in vista della Malesia.
Martin da così solidità alla sua leadership con 12 lunghezze sul primo rivale, mentre arriva il primo obiettivo stagionale per il Team Del Conca Gresini Moto3, che nel magico scenario di Phillip Island si laurea Campione Del mondo per Team con due GP d’anticipo grazie ai 92 punti di vantaggio sul duo Bezzecchi-Kornfeil.

2º - FABIO DI GIANNANTONIO #21 - «Oggi è stata una gara tosta e sinceramente all’inizio non pensavo minimamente al podio vista la caduta in Giappone e la caduta di venerdì. Ero a posto a fisicamente, ma non al 100%. Poi pilota dopo pilota ci siamo trovati nelle prime posizioni negli ultimi giri e provarci era d’obbligo. Un bel podio che ci obbliga a dare il massimo nelle prossime due gare e vedere che succede. Iniziamo in Malesia belli carichi: sfrutteremo il nostro potenziale su una pista che mi piace molto e dove la condizione fisica sarà importantissima e io credo di essere pronto».

5º - JORGE MARTIN #88 - «Gara da pazzi e sinceramente abbiamo salvato il salvabile. Non mi sentivo bene sulla moto e abbiamo sbagliato qualcosa a livello di cambio. In ogni caso siamo riusciti ad essere protagonisti e ora, in vista della Malesia, speriamo di risolvere qualche problema soprattutto in frenata. Sepang è un tracciato che mi piace molto e dove sono sempre andato forte, avremo il primo match point, ma penseremo solo a lavorare per vincere la gara e poi si vedrà».