13 dicembre 2018
Aggiornato 16:00

Prima giornata di prove per la MotoGP in Thailandia

La mancanza di grip è la maggiore preoccupazione per Aleix Espargaró, diciassettesimo nella classifica combinata con circa un secondo di distacco
Prima giornata di prove per la MotoGP in Thailandia
Prima giornata di prove per la MotoGP in Thailandia (Aprilia Racing)

BURIRAM - Con 54°C sull'asfalto durante la sessione pomeridiana, il circuito thailandese di Buriram sta tenendo fede alla sua posizione geografica, mettendo a dura prova la resistenza dei piloti e la ricerca del setup ottimale da parte dei tecnici.

La mancanza di grip è la maggiore preoccupazione per Aleix Espargaró, diciassettesimo nella classifica combinata con circa un secondo di distacco. L'opzione Michelin morbida al posteriore, provata dal pilota catalano nel finale delle FP2, sembra essere una buona scelta sotto questo punto di vista, anche se rimane da verificare la tenuta sulla distanza di gara.

Scott Redding ha fatto segnare un promettente decimo crono nelle FP1, mantenendo il distacco sotto il secondo e, cosa più importante, trovando buone sensazioni in sella. Anche a causa di una scivolata senza conseguenze, Scott è stato tra i pochi a non migliorare nelle FP2 e riprenderà il lavoro sulla sua RS-GP nelle sessioni di domani.

ALEIX ESPARGARO' - «Oggi ho percorso tanti giri con la gomma media al posteriore, ma il grip è davvero molto basso. Nel finale della seconda sessione ho provato la morbida e la moto è cambiata completamente, in maniera simile a quanto successo ad Aragon. Domani il primo obiettivo sarà percorrere più giri con questa opzione, per verificare la possibilità di utilizzarla in gara visti i vantaggi in termini di aderenza. Si preannuncia un weekend da gestire con attenzione, sia per le alte temperature sia per le condizioni di grip».

SCOTT REDDING - «Questa mattina le cose sono andate piuttosto bene, sono contento di essere partito con un decimo tempo. Mi sono sentito bene sulla moto, siamo riusciti a migliorare leggermente il setting utilizzato ad Aragon. Anche nel pomeriggio ho avuto buone sensazioni in sella ma per quanto riguarda i tempi abbiamo fatto un po' più fatica. Purtroppo dopo la scivolata mi sono dovuto fermare, ho due moto in configurazioni differenti e non voglio creare confusione. Le condizioni sono piuttosto impegnative per il fisico, sarà importante gestire le energie specialmente in ottica gara».