31 marzo 2020
Aggiornato 18:30
MotoGP | Gran Premio d'Italia

«La pole di Rossi è incredibile»: e stavolta gli spagnoli inseguono

Si consolano con il ritorno in prima fila Jorge Lorenzo e Maverick Vinales, ma Marc Marquez è solo settimo: «Non sarà la gara per attaccare, ma per far punti»

SCARPERIA«Quella di Valentino Rossi è stata una pole position incredibile, un giro molto rapido». Perfino il suo acerrimo rivale Marc Marquez è costretto ad inchinarsi di fronte alla prestazione del Dottore nelle qualifiche di casa al Mugello. Anche perché, per ora, per lo spagnolo della Honda questa trasferta italiana non sta certo regalando troppe soddisfazioni: oggi, in griglia di partenza, non è andato oltre la settima casella.

Marquez sul filo di lana
Per il leader del Mondiale le qualifiche sono andate peggio del previsto: entrambi i suoi giri veloci li ha iniziati con ben quattro decimi di vantaggio su tutti gli avversari, solo per poi veder sfumare questo margine sul finale. «Perché per ben due volte ho dovuto salvarmi da altrettante cadute – racconta il Cabroncito – La prima volta l'avete vista in tv, la seconda no: ma alla curva Arrabbiata 2 ho perso l'anteriore sulla destra, in modo quasi identico. Mi è successo tante volte in questo weekend, perché sono dovuto arrivare sempre al limite. Sapevo già che qui avrei fatto fatica con la gomma, che era troppo morbida: riuscivo a spingere nella prima metà del giro, poi si surriscaldava e perdevo tempo. In gara dovrò gestire, ma con la mescola dura riesco ad essere più costante e ad avere un buon passo. Questo sesto posto non mi preoccupa, perché ci siamo». Resta il fatto che, storicamente, il Gran Premio d'Italia non è mai stato troppo favorevole per la Honda in generale e per il catalano in particolare. Ed è molto probabile che, in ottica di campionato, il leader del Mondiale si vedrà piuttosto costretto a limitare i danni: «Durante tutto il weekend lavoro per vincere, ma stavolta faccio più fatica – ammette il sei volte iridato – Questa non sarà una gara per attaccare, semmai per portare a casa dei punti».

Lorenzo e Vinales là davanti
Meglio di lui, stavolta, sono invece messi i suoi connazionali Jorge Lorenzo e Maverick Vinales, entrambi rientrati sulla prima fila dello schieramento dopo una lunga assenza. «È bello sentirmi di nuovo competitivo e a mio agio in moto – conferma il ducatista maiorchino, secondo – Ho sfiorato la mia prima pole con la Ducati, ma quello che conta di più è il feeling. Ora mi sento più pronto che in altre gare, dovrò dimostrarlo domani». «Stamattina andavo molto male e questa prima fila proprio non me l'aspettavo – ribatte Top Gun, terzo – Ma nel garage abbiamo lavorato molto, fino a comprendere il problema, e nel pomeriggio abbiamo compiuto un grande passo in avanti. Questo è un periodo duro, ma non ci arrendiamo, e quando riesco ad avere confidenza in moto io ci sono».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal