17 novembre 2019
Aggiornato 21:30

Mercedes mette le mani avanti: «A Monaco favorite Ferrari e Red Bull»

Tra le stradine del Principato le Frecce d'argento non si trovano a loro agio, come dimostra la batosta subita nel 2017. E dovranno dunque limitare i danni

La Mercedes di Valtteri Bottas davanti alla Ferrari di Kimi Raikkonen durante il GP di Spagna di F1 a Barcellona
La Mercedes di Valtteri Bottas davanti alla Ferrari di Kimi Raikkonen durante il GP di Spagna di F1 a Barcellona Mercedes

MONTECARLO – Se non significa gettare la spugna prima ancora della partenza del Gran Premio, poco ci manca. La Mercedes è pronta ad affrontare, questo weekend a Montecarlo, una delle gare più dure della sua stagione, almeno sulla carta. Il team principal Toto Wolff, infatti, ricorda bene la batosta che la sua squadra fu costretta a subire l'anno scorso tra le strette stradine del Principato, dove la Ferrari centrò la doppietta sia in qualifica che in gara e la Red Bull completò il podio con Daniel Ricciardo. E dato che le differenze di prestazione tra i top team in questa stagione sembrano essersi ulteriormente ridotte in questa stagione, le speranze di ribaltare le sorti della storica corsa cittadina sembrano davvero minime: «Affrontiamo Montecarlo mantenendoci cauti con i pronostici – ammette Wolff – L'anno scorso non siamo riusciti a trovare l'assetto giusto e per questo ci siamo dovuti rassegnare a limitare i danni. Per noi fu una lezione dolorosa che siamo determinati a dimostrare di aver imparato. Ma in questo weekend non ci riteniamo i favoriti: lo sono la Red Bull e la Ferrari. La prima è forte nelle curve lente e dove la velocità sul dritto è meno importante, la seconda dominò nella scorsa edizione. Il nostro lavoro sarà quello di portare a termine in modo liscio il programma delle prove libere, applicare quanto abbiamo appreso nelle ultime gare e massimizzare il potenziale della macchina, qualsiasi sia».

Momento chiave
Si prospetta dunque un fine settimana durissimo, in cui il leader del Mondiale Lewis Hamilton dovrà fare del suo meglio per difendere i diciassette punti di vantaggio che ha accumulato nei confronti di Sebastian Vettel su un tracciato che vede svantaggiata la sua monoposto sul fronte tecnico. E sarà solo l'inizio: «Stiamo entrando nel cuore della stagione: nei prossimi dieci fine settimana ci aspettano sette gare – ricorda ancora il boss delle Frecce d'argento – Correremo su una serie di circuiti molto variegati prima della pausa estiva, e ci aspettano molte corse con frequenza molto rapida. Questo fatto metterà alla prova la squadra al limite e ogni punto debole sarà punito duramente in termini di punti. Abbiamo una visione chiara della sfida davanti a noi e siamo determinati a prevalere».