14 ottobre 2019
Aggiornato 19:30

Montecarlo, Hamilton in pole. Disastro Ferrari: Vettel 4°, Leclerc 15°

Prima fila ancora tutta Mercedes con Bottas. In seconda Verstappen e Vettel («Ho fatto il possibile» via radio). Eliminato Leclerc per un clamoroso errore di valutazione della Ferrari nel Q1

Il box di Hamilton a Montecarlo
Il box di Hamilton a Montecarlo ANSA

MONTECARLO - Lewis Hamilton ha conquistato in 1:10.156 la pole position del Gp di Monaco in programma domani. Via radio tutto il suo omaggio a Niki Lauda. Prima fila ancora tutta Mercedes con Bottas. In seconda Verstappen e Vettel («Ho fatto il possibile» via radio). Eliminato Leclerc per un clamoroso errore di valutazione della Ferrari nel Q1. Chiudono i primi dieci Gasly e Magnussen, Ricciardo e Kvyat, Sainz e Albon.

Leclerc «eliminato» da Vettel

Leclerc è scivolato al limite del «taglio» a pochi secondi dalla chiusura del primo round, dopo che dal muretto avevano deciso di non rimandarlo in pista, evidentemente considerando blindato il suo tempo. Leclerc - che domani partirà dalla 16/ma posizione - è stato eliminato per ironia della sorte proprio da Sebastian Vettel, che ha trovato il tempo giusto per passare in Q2 all'ultimo respiro.

Hamilton: «Una splendida battaglia»

«E' stata una splendida battaglia con Bottas, e' stato velocissimo tutto il weekend. Avevo tanta voglia di conquistare questa pole, significa davvero tanto per me». Così Lewis Hamilton al termine delle qualifiche del Gran Premio di Monaco. Pole position per Hamilton che ritrova il giro veloce in qualifica battendo così il suo compagno di squadra: «Abbiamo un pacchetto fantastico ma tutti noi, dentro qualunque macchina, dobbiamo cercare di andare al limite - ha sottolineato il pilota britannico - E quando sei al limite è come se cerchi di lottare contro una palla che ti viene addosso, devi cercare di reagire». Poi analizzando l'ultimo giro che gli ha permesso di balzare in testa: «Alla Rascasse ho fatto una piccola deviazione e anche nell'ultima curva ho fatto una correzione. Sono riuscito a tagliare il traguardo sperando di trovare anche un solo millesimo di vantaggio su Bottas, è fantastico». Infine i ringraziamenti: «Ringrazio il pubblico, Monaco è casa mia. E' una gara che ogni pilota sogna di vincere, qui devi dare tutto quello che hai dentro».

Vettel: «Lavorare sodo e stringere i denti»

«Se sei quarto a Monaco è una buona notizia, se sei dietro no. Gran parte del lavoro doveva esser fatto oggi ed è un peccato aver perso una macchina nella Q1 (Leclerc, ndr). Non ci aspettavamo quel miglioramento della pista e abbiamo rischiato di rimanere fuori con entrambe le macchine». Così Sebastian Vettel al termine delle qualifiche del Gran Premio di Monaco. Quarto tempo per il pilota tedesco della Ferrari che in gara scatterà in seconda fila dietro alle due Mercedes e alla Red Bull di Max Verstappen: «Abbiamo faticato a trovare il grip. Leclerc era piuttosto contento stamane e lo ero anche io nei miei pochi giri - ha sottolineato Vettel ai microfoni di Sky - Ma nel pomeriggio siamo andati in difficoltà, fatichiamo a far funzionare le gomme e oggi l'anteriore non ha funzionato bene».

«Il team ha fatto un lavoro fantastico»

Sul lavoro del team e la gestione delle strategie: «Non sono deluso e non mi sento nemmeno tradito dal mio team, perchè dovrei? Anzi, loro hanno fatto un lavoro fantastico dopo che io li avevo traditi stamattina (dopo l'incidente nelle prove libere 3, ndr). Semplicemente dobbiamo accettare la situazione per quella che è». Infine sulle numerose critiche dopo un avvio di stagione sotto le attese: «Non siamo nelle condizioni di forma che vorremmo ed è facile criticare e dire che abbiamo combinato pasticci. Quando hai più margine le cose vengono naturali ma questa non è la nostra situazione. Dobbiamo lavorare sodo e stringere i denti per raggiungere quel livello» ha concluso Vettel.

Leclerc: «Non possiamo permetterci fuori nel Q1»

«Più deluso o arrabbiato? Deluso. Non possiamo permetterci di rimanere fuori nel Q1, ma ormai non si può cambiare. Domani sarà veramente difficile, questa è una pista in cui non si sorpassa». Charles Leclerc sfoga tutta la sua amarezza dopo l'eliminazione nelle prima manche delle qualifiche di Montecarlo. «Se ho detto la mia? Ho chiesto fino a un certo punto 'siete sicuri che ce la facciamo?' ma non ho avuto risposta - racconta il pilota della Ferrari - Poi mi hanno detto che avrei dovuto farcela ma a un minuto dalla fine hanno capito che non sarebbe bastato e ormai era troppo tardi».