15 agosto 2018
Aggiornato 21:00

Giovinazzi porta la Ferrari ad un soffio dalla Mercedes

Tornato ieri al volante della Alfa Romeo Sauber, oggi il collaudatore ha ritrovato la Rossa. Ed è andato subito forte, fermandosi ad appena 68 millesimi da Bottas
Il collaudatore della Ferrari Antonio Giovinazzi
Il collaudatore della Ferrari Antonio Giovinazzi (Ferrari)

BARCELLONA – Guidare una Ferrari è sempre un’emozione, farlo in un test ufficiale di Formula 1 ancora di più. E Antonio Giovinazzi se l’è goduta in pieno, percorrendo oggi 148 giri (il migliore in 1:16.972 con pneumatici hypersoft) del tracciato catalano, nonostante le condizioni fisiche non perfette. E il risultato finale gli ha regalato un'ulteriore soddisfazione, visto che Bon Giovi si è piazzato secondo assoluto, ad appena 68 millesimi dalla Mercedes oggi guidata da Valtteri Bottas.

Ancora prove di pneumatici
«È stata una giornata faticosa – ha raccontato il 24enne collaudatore pugliese – Abbiamo fatto un sacco di giri, ma me la sono davvero goduta. A parte la giornata di ieri con l’Alfa Romeo Sauber, l’ultima volta che avevo guidato in una sessione ufficiale era stato l’anno scorso ad Abu Dhabi. Avevamo un bel programma, con diverse cose da provare e gomme di mescola differente. Il test è stato produttivo e sono stati raccolti moltissimi dati, da confrontare con quelli del simulatore. Essere al volante di una Rossa è sempre un privilegio. E mi ha dato una sensazione fantastica». La prima tornata di test nel corso della stagione si è quindi conclusa. Altri due giorni (31 luglio-1° agosto) sono previsti all’Hungaroring dopo il Gran Premio d'Ungheria.