16 agosto 2018
Aggiornato 06:00

Milan: Suso ha deciso il suo futuro

Mancano appena poche settimane, poi sarà svelato il mistero sul futuro dello spagnolo, che comunque appare già scritto.
Lo spagnolo del Milan Suso
Lo spagnolo del Milan Suso (ANSA)

MILANO - È stato il peggiore in campo del Milan nella vittoriosa trasferta di Bologna. Non un caso episodico, almeno stando alle pagelle di Suso delle ultime settimane. Un calo di rendimento che potrebbe essere facilmente riconducibile ad una comprensibile stanchezza fisica, figlia del massiccio impiego dell’8 rossonero in stagione, se non fosse per quel piccolo dettaglio contrattuale che getta su tutta la vicenda una luce cupa ed inquietante. Non è ormai un mistero per nessuno che nell’ultimo rinnovo accordato dalla dirigenza del Milan allo spagnolo, l’entourage del calciatore abbia preteso l’inserimento di una clausola rescissoria fin troppo bassa per i prezzi correnti del mercato internazionale: meno di 40 milioni, un’inezia in confronto ai 160 milioni spesi dal Barcellona per Coutinho appena pochi mesi fa.

Le pretendenti
Logico che sulle tracce di Jesús Joaquín Fernández Sáez de la Torre, 178 cm di talento purissimo concentrato in un sinistro da favola, si siano fiondati con la bava alla bocca tantissimi club di primissimo piano, a cominciare proprio da quel Liverpool che appena 3 anni e mezzo fa se l’è visto soffiare a parametro zero da Galliani al termine di una delle più sensate operazioni del condor dell’ultimo decennio.
Ma non ci sono solo i Reds sulle tracce di Suso: in Italia ad esempio Napoli e Roma hanno già manifestato il loro gradimento, per non parlare di diversi club spagnoli che riporterebbero volentieri a casa il loro figliuol prodigo.

Finale di stagione
Inevitabile che questa raffica di possibili novità si stia abbattendo come una tempesta sull’animo sensibile del fantasista rossonero che - casualmente - da quando si è iniziato a parlare diffusamente del suo possibile futuro ha smesso di offrire prestazioni all’altezza, cedendo il passo ad un’involuzione preoccupante. A maggior ragione se consideriamo il delicatissimo finale di stagione che attende il Milan, con il pass per la prossima Europa League ancora da strappare e una Coppa Italia da contendere alla Juventus nella finale in programma allo stadio Olimpico il prossimo 9 maggio.

Maglia n.8 libera
Senza contare il nebuloso futuro del club rossonero che se da un lato, con la cessione dello spagnolo, potrà mettere a bilancio una succulenta plusvalenza in ottica fairplay finanziario, dall’altro dovrà colmare un altro enorme cratere nella rosa rossonera nel prossimo mercato estivo.
Una cosa a questo punto pare già chiara: tra qualche settimana, con buona pace dei tifosi milanisti, Suso lascerà definitivamente Milanello. La maglia rossonera con l’8 sulle spalle sta per tornare libera.