19 dicembre 2018
Aggiornato 05:00

Deulofeu si aggrappa al Milan

L'attaccante spagnolo è sempre ai margini del Barcellona ed il ritorno in Italia è più di una possibilità

Gerard Deulofeu, ha già giocato nel Milan da gennaio a giugno 2017 prima di rientrare al Barcellona
Gerard Deulofeu, ha già giocato nel Milan da gennaio a giugno 2017 prima di rientrare al Barcellona (ANSA)

BARCELLONA - La stagione di Gerard Deulofeu, partita in pompa magna col ritorno a Barcellona dopo il doppio prestito all'Everton e al Milan, si sta consumando in panchina, con l'attaccante spagnolo chiuso dai titolari nonostante l'infortunio di Dembelè che, almeno in teoria, avrebbe dovuto spalancargli le porte della prima squadra e che invece continua a vederlo sempre ad ammuffire immusonito fra le riserve, con Valverde passato anche a giocare con un elastico 4-4-2 che taglia fuori un esterno puro come Deulofeu che, continuando a non giocare mai, rischia seriamente di rimanere fuori dalla lista dei convocati della nazionale spagnola per i mondiali del prossimo giugno.

Destinazione italiana

Ormai lo ha capito anche lui: lasciare Barcellona è l'unica soluzione per tornare a giocare ed avere qualche speranza di partire per la Russia assieme ai suoi compagni delle Furie Rosse. In Spagna, Deulofeu piace al Siviglia, ora allenato da Vincenzo Montella che tanto lo aveva apprezzato l'anno scorso nei suoi sei mesi al Milan, mentre in Italia gli estimatori non mancano, a cominciare dalla Roma che con l'imminente e poco comprensibile cessione di Dzeko al Chelsea va verso l'acquisto di un attaccante esterno con Schick centravanti titolare e Defrel riserva. Anche Inter e Napoli sono ormai da tempo sulle tracce dello spagnolo che andrebbe a rinforzare tanto l'organico di Spalletti quanto quello di Sarri; ma la storia più intensa è quella fra Deulofeu ed il Milan, soprattutto perchè è lo stesso calciatore a lanciare continuamente segnali alla sua vecchia società, senza tuttavia ricevere i riscontri sperati dalla dirigenza milanista che continua a ribadire il suo secco no all'arrivo di nuovi giocatori nel mese di gennaio. In più, il Barcellona non sembra intenzionato a fare sconti dopo i prestiti del passato: chiunque voglia Deulofeu dovrà pagarlo, con costo dell'operazione fissato a 20 milioni, pagabili al massimo in due rate da 10 da qui a giugno, condizione che Inter e Milan oggi non possono permettersi di accettare, allontanandosi sempre più dallo spagnolo, a cui, a questo punto, non resta che sperare nel Napoli (soluzione però meno gradita all'attaccante) o nella Roma, forse l'unica formazione in grado di spendere qualche soldino dopo le pesanti cessioni, in un calciomercato estremamente sottotono.