22 febbraio 2020
Aggiornato 18:00
Formula 1 | Gran Premio del Brasile

Mercedes iridata ma ancora più aggressiva: novità tecniche in arrivo

Pur avendo già portato a casa entrambi i titoli mondiali, la Freccia d'argento non si rilasserà nelle ultime due gare dell'anno. Anzi, sperimenterà le prime soluzioni per il 2018

Le due Mercedes di Lewis Hamiton e Valtteri Bottas parcheggiate
Le due Mercedes di Lewis Hamiton e Valtteri Bottas parcheggiate Mercedes

SAN PAOLO – Anche per quei precisini dei tedeschi, è arrivato il momento di rischiare. Portati a casa matematicamente entrambi i titoli mondiali, infatti, la Mercedes non ha intenzione di rilassarsi in questo finale di stagione. Al contrario, utilizzerà le due tappe in Brasile e ad Abu Dhabi come un laboratorio per sperimentare in pista le prime soluzioni per la monoposto del prossimo anno. Aspettiamoci dunque di vedere una Freccia d'argento più aggressiva, con componenti innovative che sarà interessante tenere d'occhio. «Potremmo essere tentati di pensare che, essendoci ormai assicurati entrambi i campionati, possiamo affrontare le ultime due gare del 2017 senza pressione – commenta il team principal Toto Wolff – Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. All'interno del team, pensiamo ai prossimi due Gran Premi come i primi due del 2018. Sono due gare che siamo determinati a vincere per portare avanti questo momento positivo anche nel corso dell'inverno. Non rallenteremo solo perché abbiamo archiviato la pratica del campionato».

La sfida non si ferma
Quanto ai piloti, sia Lewis Hamilton che Valtteri Bottas (quest'ultimo ancora in corsa per il titolo di vicecampione con Sebastian Vettel) promettono di presentarsi con la stessa fame di vittorie, e se la dovranno vedere con i soliti avversari tosti: la Ferrari ma anche la Red Bull, rivelazione di quest'ultima parte del campionato. «Lewis sta guidando al massimo delle sue capacità al momento e sarà determinato ad aggiungere un'altra vittoria al suo palmares – spiega il manager austriaco – Valtteri ha fatto un passo avanti promettente in Messico e vorrà migliorare ancora a Interlagos. Come hanno dimostrato le ultime corse, vincere i Gran Premi non è mai facile. La Red Bull ha portato a casa due vittorie nelle ultime quattro gare e, anche se noi abbiamo trionfato nelle altre due, la Ferrari resta un avversario formidabile. Con il campionato ormai deciso, la battaglia per il 2018 è già cominciata».