Sport | Serie A

Godi Milan, Andrè Silva e Cutrone non si fermano più

I due giovanissimi talenti offensivi del Milan sono andati a segno ancora una volta con le rispettive nazionali, confermando di vivere un momento di forma strepitoso. Il presente della squadra di Montella è ancora piuttosto nebuloso, ma il futuro, almeno per quanto riguarda il reparto offensivo, non potrà che essere roseo.

AS9 e Cutro-gol, i due giovanissimi bomber rossoneri
AS9 e Cutro-gol, i due giovanissimi bomber rossoneri (ANSA)

MILANO - Il momento non è dei più esaltanti per la squadra rossonera, alle prese con qualche battuta d’arresto di troppo in campionato e una inquietante nube di incertezza sulla panchina del Milan, ma i fans del diavolo, la nuova proprietà e l’intero staff tecnico possono gioire perchè c’è chi cresce nell’ombra con forza, costanza e una marcia irresistibile.
Parliamo naturalmente dei due giovanissimi bomber abitualmente di stanza a Milanello, il portoghese Andrè Silva, arrivato in estate dal Porto a fronte di un notevole esborso economico (38 milioni di euro), e il talento del vivaio rossonero Patrick Cutrone, entrato già nell’epopea del club per essere l’attaccante più prolifico della storia del settore giovanile rossonero.

Cutro-gol
Mentre Nikola Kalinic procede la sua marcia verso la guarigione completa in vista del derby di domenica sera contro l’Inter, AS9 e Cutro-gol continuano a segnare senza soluzione di continuità, che si tratti della maglia del Milan o di quella delle rispettive nazionali, conferendo al reparto offensivo rossonero un’aura di onnipotenza neppure ipotizzata ad inizio stagione.
Il classe ’98 nato a Como, ieri alla sua quarta presenza nell’Under 21 di Gigi Di Biagio, ieri ha segnato il suo gol numero 4, mantenendo una media da sogno in azzurro. Se a questi, sommiamo le 5 reti già segnate con il rossonero sulle spalle - 2 in campionato, 3 in Europa - si capisce perchè a Milanello possano legittimamente gongolare per la consapevolezza di aver allevato un autentico campioncino.

La media gol di AS9
Discorso analogo per il portoghese Andrè Silva, anche ieri a segno con la Seleção Portuguesa de Futebol, oscurando addirittura quell’autentica leggenda del calcio che risponde al nome di Cristiano Ronaldo. Il gol del calciatore del Milan ha blindato il successo sulla Svizzera che ha consentito al Portogallo l’accesso diretto al mondiale in Russia senza passare dalle forche caudine dei playoff. Con la rete segnata ieri sera all’Estádio da Luz di Lisbona, AS9 ha timbrato il cartellino 9 volte in 10 partite, non tutte giocate per in intero, con una media di un gol ogni 78’.
E anche nel bottino del lusitano è il caso di aggiungere le marcature in rossonero, tutte in Europa League: 6 gol in 6 partite, con una media stratosferica di una rete ogni 66’.
Il presente sarà ancora vagamente nebuloso, ma il futuro rossonero, almeno per quanto riguarda l’attacco, non potrà che essere sensazionale.