17 febbraio 2019
Aggiornato 17:00

Biglietti e magliette false: malviventi scatenati al GP di Monza

La Guardia di finanza è stata attivissima nei controlli durante il fine settimana di gara con i suoi controlli: sequestrati novanta tagliandi e 191 T-shirt contraffatti, ma non sono mancate anche le contestazioni di evasione fiscale, lavoro irregolare e detenzione di sostanze stupefacenti. Quattro i denunciati

L'invasione di pista dei tifosi al termine del Gran Premio di Monza
L'invasione di pista dei tifosi al termine del Gran Premio di Monza Ferrari

MILANO - I controlli svolti dalla Guardia di finanza in occasione del Gran Premio di Formula 1 che si è svolto domenica scorsa a Monza hanno portato al sequestro di novanta biglietti che i bagarini vendevano nelle adiacenze dell'autodromo, alla constatazione di venticinque mancate emissioni di scontrini/ricevute nel corso di 157 controlli fiscali, alla scoperta di tredici lavoratori irregolari e al sequestro di 191 magliette riportanti il logo "circuito di Monza" contraffatto, oltre alcuni grammi di hashish e marijuana. Sempre secondo quanto riferito dalle Fiamme gialle, i controlli effettuati da un centinaio di finanzieri (sia in uniforme che in borghese) tra il 1° e il 3 settembre scorsi si sono conclusi con la denuncia di quattro persone per, a vario titolo, resistenza a pubblico ufficiale, porto di arma da taglio e cessione di merce contraffatta.

(Fonte: Askanews)