25 febbraio 2020
Aggiornato 14:00
Calcio - Serie A

Milan, è l’ora di Donnarumma: in settimana incontro chiave con Raiola

Nel pianto amaro dei rossoneri nelle ultime settimane – con la ciliegina arrivata nella debacle interna di ieri sera contro la Roma – come sempre si salva sempre e solo l’estremo difensore, il che è tutto dire sulla situazione del Milan attuale. C’è attesa per il probabile incontro con Raiola in settimana, dal quale potrebbe dipendere il futuro dell’asso rossonero.

Il fenomenale portiere del Milan Gigio Donnarumma
Il fenomenale portiere del Milan Gigio Donnarumma ANSA

Milano – Per chi ha assistito alla partita di ieri sera, difficile dire cosa sia più spaventoso tra la prestazione del Milan - sconfitto nettamente con un 1-4 che al netto delle occasioni è persino riduttivo - e la gara di Gigio Donnarumma. C’è poco da dire, anche ieri il classe ’99 ha sfoderato l’ennesima partita sopra le righe rispetto ai suoi compagni. L’unico a guadagnare stima e ammirazione nel disastro è ancora lui, e pensare alle parole di Montella del pre-gara «Gigio è ancora un bambino per fare il capitano, e poi è un compito che non mi piace affidare al portiere» viene da sorridere, amaramente si intende.

Miracoli a Milano

La parata su Perotti sullo 0 a 1, a salvare il Milan dal raddoppio (purtroppo solo rinviato) ha un che di fantascientifico: mano di richiamo in completa distensione. Difficile da ammirare se non a colleghi illustri. Prendiamola solamente come intervento  esemplificativo di quello che Gigio ha fatto anche ieri per tutelare i suoi. Non è bastato, ma poteva andare molto, molto peggio. Salvare sempre e solo il portiere in una squadra come il Milan fa capire che non si stia passando un bel momento, questo è certo. Ma è altrettanto certo che di sicurezze e di basi su cui lavorare con Donnarumma ci sono.

Raiola atteso a Milano

Ecco perché ora, davvero, assume importanza che si discuta – bene e in maniera convincente - del suo futuro. Lo abbiamo detto: il Milan non può essere ostaggio di un procuratore. Ma siamo sicuri che qualora Gigio confermasse anche con i fatti le parole di attaccamento alla maglia rossonera, la soluzione può e deve trovarsi. Nulla di ufficiale ancora sulla data, ma la settimana potrebbe essere quella giusta per muovere i primi passi. L’ex pizzaiolo infatti sarà di rientro dopo l’operazione al ginocchio del suo miglior giocatore su libro paga. Se Donnarumma non è il secondo di questa ipotetica lista, poco di manca. Il popolo rossonero resta in speranzosa attesa.